Modificare la propria vita cambiando il modo di pensarla. Come l'ottimismo influisce sulla capacità di superare gli stress, riprogettando positivamente la propria esistenza

Studentessa: Chiaradia Lisa
Titolo tesi: Modificare la propria vita cambiando il modo di pensarla. Come l'ottimismo influisce sulla capacità di superare gli stress, riprogettando positivamente la propria esistenza.
Docente relatore: prof. Meazzini Paolo
Controrelatore: prof. Benatti Fabio
Presidente Commissione di tesi: prof. Battaglini Federico
Laurea magistrale in: Psicologia clinica e di comunità
Data: 07/03/2014

Tutti noi, anche se spesso non consapevoli, siamo caratterizzati da uno stile di pensiero, cioè un modo per leggere gli eventi che ci accadono nel corso della giornata e della nostra vita più in generale. Esso può essere prevalentemente di tipo ottimistico o pessimistico a seconda delle attribuzioni causali che formuliamo su un certo evento e sulle implicazioni che esso avrà per noi e per la nostra esistenza.
Questi due diversi atteggiamenti possono favorire od ostacolare il superamento dei problemi che incontriamo ed in particolare l'ottimismo è alla base di una virtù assai più alta e fondamentale per la vita stessa: la SPERANZA.
A partire da queste premesse, nella prima parte della tesi sono trattate le caratteristiche degli stili di pensiero, la loro costruzione in età evolutiva e come essi possano sempre essere modificati nel corso dell'esistenza.
Nella seconda parte è sottolineato il loro legame con la RESILIENZA, termine sempre più in voga, utilizzato per definire la capacità di superare gli stress della vita, riprogettando positivamente la propria esistenza, facendo tesoro di ciò che ogni nuova esperienza, positiva o negativa che sia, ha da insegnare, trasformando così anche il dolore in una risorsa.
Infine, ho voluto dare un taglio più scientifico al lavoro, riportando i dati degli studi di correlazione condotti con il programma SPSS, relativi a due questionati somministrati in una scuola secondaria di primo grado, uno per rilevare lo stile di pensiero e uno per la capacità di resilienza. E' stata anche un'occasione per me e per la prof. Lucia Boncori di Roma che mi ha fornito il suo questionario sulla resilienza, per validarlo ulteriormente, ed è stata una collaborazione proficua e vincente.