Adozione tra opportunità e ricerca delle origini

Studente: Sofia Marcucci
Titolo tesiAdozione tra opportunità e ricerca delle origini
Docente relatore: Prof.ssa Fabiana Filippi
Docente controrelatore: Prof.ssa Catia Martorello
Presidente commissione di tesi: Prof. Fabio Benatti
Data discussione tesi: 14 marzo 2019
Laurea Magistrale Internazionale in: Psicologia clinica e di comunità

Il presente studio analizza l’adozione come un’opportunità per l’adottato, ed esamina le dinamiche che s’istaurano con in genitori adottivi, di relazione, e con i genitori naturali, di rappresentazione e contatto nei tempi dei social media. Tratteremo i vissuti abbandonici e la storia del bambino adottato, soffermandosi sul funzionamento di bambini traumatizzati, e di come le esperienze avverse possano creare Modelli Operativi Interni negativi, spiegando come i genitori adottivi possano aiutarlo ad integrare il proprio Sé. Tratteremo i pregiudizi che spesso hanno operatori che lavorano nel settore, riguardo bambino adottivo, genitore adottivo e genitore biologico, e di come le aspettative possano influire sulla riuscita stessa dell’adozione. Saranno presi in esame i rischi e le opportunità offerte dall’adozione e giungeremo tramite la teoria dell’attaccamento a capire il potenziale di cambiamento nei pensieri, sensazioni e comportamenti dei bambini, grazie a nuove relazioni. Affronteremo le conseguenze dell’abbandono sul difficile percorso identitario del bambino e per quanto riguarda le adozioni internazionali definiremo il rapporto tra etnicità e processo adottivo. Si tratterà il tema della ricerca delle origini e delle informazioni, tenendo conto del punto di vista giuridico. Verrà anche esaminato l’atteggiamento di alcuni tribunali per minorenni, nell’iter della ricerca delle origini. Vedremo l’importanza di sviluppare una comunicazione aperta e una narrazione, che non sarà solo di informazioni sulla storia del bambino, ma sull’espressione e lo scambio delle emozioni. E si approfondirà cosa capiscono i bambini della loro situazione di adottati a seconda dell’età. Infine, analizzeremo l’imminente diffusione di Internet e dei social media, e le ripercussioni che comporta sia nel nucleo adottivo sia eventualmente nei genitori biologici. Da una lettura di molti casi è emerso che il ricontattare o essere ricontattati dai genitori può portare sia una distorsione del percorso evolutivo dell’adottato sia un’evoluzione positiva per lo sviluppo dell’identità, la differenza è data dal modo in cui il contatto è gestito, dato che non è possibile avere un controllo sui social, risulta necessario sviluppare dei servizi di sostegno e accompagnamento alla ricerca.

The present study analyzes the adoption as an opportunity for the adopted, and examines the dynamics that engage with adoptive parents, in relationships, and with natural parents, of representation and contact in the times of social media We will face the analyzes the experience of abandonment and the personal history of the adopted child. We will focus on the functioning of traumatized children, and how adverse experiences can create negative Internal Operative Models, by explaining how adoptive parents can help them integrate their own Self. We will deal with deep-rooted biases shared by care professionals regarding the adoptive child and both adoptive and biological parents and how expectations can affect the success of the adoption itself. We will examine the risks and opportunities offered by the adoption and through the attachment theory we will come to understand the potential for change in children's thoughts, sensations and behaviors thanks to new relationships. We will face the consequences of abandonment on the difficult identity path of the child and as regards international adoptions we will try to define and better understand the relationship between ethnicity and the adoptive process. We will debate the topic of the search of the child’s own origins and related information, taking into account the legal point of view. The attitudes of some juvenile courts towards the search of the origins will also be examined. We will underline the importance of developing an open communication and a storytelling which will not only be about the child's own personal history, but about the expression and exchange of emotions as well. Furthermore, we will examine in depth what children actually understand of their own situation of adopted according to their age. Finally, we will analyze the spread of the Internet and social media, and the impact that this might have on both the adoptive unit and, possibly, the biological parents. A comprehensive scientific literature showed that the act of reaching out to or being contacted by parents could lead to either a distortion of the adopted child’s evolutionary path or to an evolutionary experience positive for the child’s identity development. The way this contact is carried out marks the difference between the two possible outcomes. It is therefore necessary to develop support and supervision services for the research.