Anoressia e bulimia nervosa esposte nella vetrina del mondo virtuale

StudenteLaura Grandi 
Titolo tesiAnoressia e bulimia nervosa esposte nella vetrina del mondo virtuale
Docente relatore: Prof.ssa Giovanna Borsetto
Docente controrelatore: Prof. Marco Ballico
Presidente commissione di tesi: Prof. Davide Maria Marchioro
Data discussione tesi: 08 marzo 2019
Laurea Magistrale Internazionale in: Psicologia clinica e di comunità

Il seguente elaborato parte da un interesse personale nei confronti del tema dei disturbi alimentari, nello specifico anoressia e bulimia nervosa, affrontato anche durante il mio percorso universitario. Gli obiettivi di questo testo sono conoscere ed approfondire il rapporto degli adolescenti con il mondo social e come si declina il disagio anoressico e bulimico nel teatro del virtuale. Si è partiti inquadrando queste due tipologie di disagio da punto di vista sintomatologico mediante l’utilizzo del DSM 5 e all’interno dello stesso capitolo si è cercato di dare una lettura psicodinamica. Successivamente, partendo dalla letteratura esistente, è stata approfondita l’eziopatogenesi di questi due disturbi suddividendo i fattori in tre categorie: predisponenti, precipitanti e perpetuanti, con un’attenzione specifica al mondo virtuale; con una focus particolare per Instagram. Infatti, procedendo nel testo si affronta l’utilizzo dei social network nelle persone che soffrono di anoressia o bulimia nervosa, evidenziando come questo mondo parallelo non sia una minaccia per tutti gli adolescenti ma lo può diventare per chi ha una fragilità identitaria e ricerca una risposta all’interno dei gruppi on line, dove, ad oggi, si riuniscono dietro hashtag (#) soprattutto su Instagram. Dall’elaborato emerge che i social network offrono la possibilità di avere una risposta identitaria alle persone che soffrono di anoressia e bulimia nervosa. Tuttavia, l'esame della letteratura disponibile ha portato evidenza della presenza esigua di interventi preventivi sul tema Pro Ana e Pro Mia, a tal proposito si propone una riflessione sul processo di informazione legato al mondo dei disturbi del comportamento alimentare.

The topic chosen is about the theme of eating disorders, in particular anorexia and bulimia nervosa and the application of social network’s world, like Instagram, employed with a psychodynamic point of view. What this text aims at is to know and deepen the relation between the teenagers and the social world and how anorexia and bulimia show itself in the virtual theatre. The thesis started from classifying this two types of discomfort from a symptomatological point of view through the using of the DSM 5 and inside the same chapter we have tried to give a psychodynamic interpretation of these psychopathologies. Subsequently, starting from the existing literature, it has been deepened the etiopathogenesis of these two eating disorders divided into three categories of factors: predisposing factors, precipitant factors and perpetuant ones, with a particular attention for the virtual world; in particular Instagram. Indeed, proceding on the text we have actually focused on the use of social network in people who are anorexic or bulimic underlining how this parallel world is not a threat for all teenagers but for those who have an identitary weakness and look for an answer that they find in on line groups, which, they gather behind hashtag (#) especially on Instagram. The social network offers the possibility of having an identitary answer for people who are anorexic and bulimic. However, the examination of the available literature has brought to the conclusion that there are not many preventive interventions of the Pro Ana and Pro Mia’s profiles in Italy. The text highlights the necessity of information about the new undertones that these disorders are developing.