La comunicazione Nonviolenta: l'empatia come strumento di educazione e cura

Studente: Alessandra Grespan
Titolo tesiLa comunicazione Nonviolenta: l'empatia come strumento di educazione e cura
Docente relatore: Prof. Ernesto Gianoli
Docente controrelatore: Prof.ssa Giuseppina Sangiuliano
Presidente commissione di tesi: Prof. Davide Maria Marchioro 
Data discussione tesi: 19 luglio 2019
Laurea Magistrale Internazionale inPsicologia clinica e di comunità

Nel presente lavoro si intende presentare la Comunicazione Nonviolenta (CNV), uno strumento di comunicazione e pensiero ideato dallo psicologo americano Marshall Rosenberg per migliorare la capacità di introspezione e l’empatia verso sé stessi e gli altri, sviluppando relazioni umane di qualità. Nel primo capitolo è presentata un’analisi sulle origini della violenza secondo la psicologia sociale; il fine è di esaminare l’attuale scenario sociale, in cui la pervasività del conflitto e dell’aggressività potrebbero indurre a pensare che questi comportamenti siano una componente fondamentale della natura umana. Nel secondo capitolo è esposto il pensiero di Marshall Rosenberg che, partendo dall’assunto che la natura umana è empatica e non violenta, giunge ad elaborare la Comunicazione Nonviolenta, un processo di linguaggio e pensiero che si basa su quattro componenti essenziali: osservazione, sentimenti, bisogni e richieste. Nel terzo capitolo l’analisi è spostata sul concetto di empatia: il costrutto che sta alla base del cuore teorico della Comunicazione Nonviolenta, a cui Rosenberg attribuisce un potere guaritore. 
Nell’ultimo capitolo, infine, sono esposti i benefici per il benessere e per l’equilibrio psichico delle persone e gli ambiti di applicazione della Comunicazione Nonviolenta. 

The aim of this paper is to present Noviolent Communication, an instrument of communication and an approach developed by the American psychologist Marshall Rosenberg, as a tool to improve our ability for introspection and empathy with regards to both ourselves and others developing, in this way, quality human relationships. 
The first chapter analyses the origin of violence based on the principals of social psychology in order to understand current social scenarios where the pervasiveness of conflict and aggressiveness may lead to an impression that these behaviours are a fundamental component of human nature.  The second chapter discusses the work of Marshall Rosenberg who started with the assumption that human nature is empathic and noviolent and continues by elaborating the theory of Noviolent Communication, a process of language and thought based on four fundamental pillars: observation, feelings, needs and requirements.  The third chapter focuses on an analysis of the concept of empathy, the heart of Noviolent Communication, to which Rosenberg ascribes a healing power.  Finally, the last chapter presents the benefits of Noviolent Communication on wellbeing and psychic equilibrium as well as his fields of application.