images/grafica/TESTATE/GENERALE_PSICOLOGIA/convegni.png

I tipi psicologici in Carl Gustav Jung (ospite Giovanni Gocci)

Titolo Focus: I tipi psicologici in Carl Gustav Jung  (ospite Giovanni Gocci)
Data: 13 dicembre 2018
Orario: dalle ore 09:00 alle ore 13:30
Corso di laurea: Laurea triennale in Psicologia dell’educazione
Anno di corso: 2 anno
Campus: Mestre
Materia di riferimento: Psicologia della personalità
Docenti: Prof.ssa Beatrice Signorotto
Posti per studenti non iscritti al corso: 50
 
“Nel corso della mia pratica di medico con i malati di nervi, avevo osservato già da molto tempo che esistono, nella psicologia umana, a fianco delle molteplici differenze individuali, delle differenze tipiche: due tipi, che io ho denominato introverso ed estroverso, hanno attirato la mia attenzione. […] Giacché noi tutti propendiamo più o meno verso l’una o l’altra caratteristica, abbiamo una tendenza naturale a vedere tutto secondo il nostro tipo” (Jung, 1993).
Il Prof. Giovanni Gocci, analista junghiano, ci condurrà alla ricerca delle specificità caratteriologiche di Carl Gustav Jung. 
 
Prof. Giovanni Gocci, psicologo analitico e psicoterapeuta, professore associato di Psicologia sociale presso l’Università degli Studi di Siena-Arezzo.

Eventbrite - I tipi psicologici in Carl Gustav Jung  (ospite Giovanni Gocci)

La psicologia applicata all'orientamento per il benessere della persona

Titolo: La psicologia applicata all'orientamento per il benessere della persona
Data: Sabato, 24 novembre 2018
Ora: dalle 15.30 alle 17.30
Luogo: Aula F - Palazzo San Marco

L’evento intende promuovere la figura professionale dello psicologo specializzato in orientamento e le attività gestite in favore della salute e del benessere psicologico di soggetti alle prese con la scelta del proprio futuro formativo e lavorativo o in fase di ricollocazione professionale. La finalità dell’evento è quella di mettere in rilievo le peculiarità dell’ “orientamento specialistico” e dei suoi strumenti/tecniche di intervento.

Relatori

  • Prof.ssa A. Isdraele Romano - docente aggiunto Iusve - Mestre
  • Dott.ssa S. Ferraro - Dirigente MIUR e responsabile del Piano per l’Orientamento Permanente del Miur - Roma
  • Dott.ssa E. Durighello - Responsabile Area progetti PLURIVERSUM - Siena

Per maggiori informazioni
Prof.ssa Annalisa Isdraele Romano, c/o Cospes, Segreteria 041-590.23.18 - cell. 333.68.03.991, email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.;

Eventbrite - La psicologia applicata all'orientamento per il benessere della persona

Visita alla mostra Genoma Umano, presso il Muse di Trento

La Prof.ssa Daniela Turato (corso di Fondamenti di Genetica) propone agli studenti del baccalaureato - corso di laurea triennale in Psicologia dell’educazione un'uscita didattica al Muse (Museo della Scienza) di Trento per visitare l'interessantissima mostra "GENOMA UMANO. Quello che ci rende unici".

La mostra affronta interrogativi che ci riguardano profondamente e sui quali, oggi, è focalizzato un settore importante e promettente della ricerca in campo biologico: perché le persone sono tutte diverse? Da dove provengono i talenti? Perché c'è chi invecchia in modo invidiabile e chi, purtroppo, no? Perché la vita ha un termine biologico e come possiamo prevenire le malattie? "Genoma umano" sarà quindi un vero e proprio viaggio tra le nuove sfide offerte dalla genomica con un focus su opportunità e rischi originati dall'applicazione delle nuove conoscenze ad ambiti particolarmente sensibili, quali la salute. Grazie a un percorso interattivo e immersivo - che potrà contare su numerosi supporti multimediali ed exhibit in grado di toccare le corde più profonde della sensibilità personale - attraverso video e multi-proiezioni di grande impatto scenico e la mediazione dell'arte - la mostra affronterà tre questioni fondamentali sul patrimonio genetico umano: quanto conta il DNA, quali altri fattori intervengono nella sua definizione (ad esempio ambiente e stili di vita: epigenetica), come e quanto possiamo intervenire per modificarlo. La 'contaminazione' artistica farà riflettere sul rapporto tra componente biologica, 'stili di vita' e benessere sottolineando come alcune esperienze vissute possano incidere sull'espressione dei geni, in forma anche ereditabile.  

L’uscita didattica sarà sabato 24 novembre 2018 (la data verrà confermata solamente se ci saranno sufficienti adesioni) e gli aspetti logistici verranno definiti in base al numero dei partecipanti. 

Per informazioni
Prof.ssa Daniela Turato (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.)

Per prenotare l'uscita

Eventbrite - Visita alla mostra Genoma Umano, presso il Muse di Trento

FOCUS - La scienza del benessere

Titolo Focus: La scienza del benessere
Data: 08 novembre 2018
Orario: dalle ore 09.00 alle ore 12.40
Corso di laurea: Laurea Magistrale in Psicologia Clinica e di Comunità
Anno di corso: 1 anno
Materia di riferimento: Psicologia della qualità della vita
Campus: Mestre - Aula 7 e 8
Docente: prof.ssa Filippi Fabiana e dott.ssa Patrizia Lucchesi
Posti per studenti non iscritti al corso: massimo 22

In ambito psicologico lo studio del benessere ha dato origine  al vasto e sfaccettato movimento della Psicologia Positiva, le cui attività si sono sviluppate a partire da due prospettive di base; quella edonica e quella eudaimonica.

Il focus intende aiutare gli studenti a cogliere le proprie potenzialità personali e mostrare alcune attività professionali volte a promuovere il Benessere Psicologico nella vita individuale e in quella lavorativa, famigliare e sociale.Mauricio Sanguinetti è il direttore dell’Istituto Europeo di psicologia Positiva , che ha come sede italiana la città di Genova.

Il suo passato da sportivo professionista si è affiancato all’attività di studio e ricerca, condotta all’interno dellìUniversità La Sapienza di Roma, in collaborazione con il professor Marino Bonaiuto e dell’illustre professore M. Cisikszentmihalyi.

Per partecipare al focus è necessaria l'iscrizione

Eventbrite - FOCUS - La Scienza del benessere

Adolescenza e adozione: crescita e sostegno al processo di soggettivazione

Titolo Focus: Adolescenza e adozione: crescita e sostegno al processo di sogettivazione
Data: 25 ottobre 2018
Orario: dalle ore 15.30 alle ore 19.00
Campus: Mestre - Aula 5
Docente: prof.ssa Filippi Fabiana e dott.ssa Patrizia Lucchesi

“Sono triste perchè ho visto una bambina che abbracciava sua mamma....io non ricordo niente, solo i suoi capelli neri quando mi accompagnava in istituto...adesso ogni tanto faccio dei sogni e aggiungo un pezzetto, prima o poi riuscirò a vederla!”

La Prof.ssa Filippi Fabiana, docente di Psicologia Dinamica della Famiglia, insieme alla Dott.ssa Patrizia Lucchesi, Psicologa e Psicoterapeuta specializzata nel lavoro con bambini, adolescenti adottati e genitori; parleranno di Adolescenza e Adozione.

Il focus sarà utile per comprendere il ruolo dello Psicologo e dello Psicoterapeuta all’interno dei processi adottivi, nell’incontro con le famiglie con i processi relazionali che l’adolescenza come tappa del ciclo vitale attiva e come questi incontrano il processo adottivo

Per partecipare al focus è necessaria l'iscrizione

Eventbrite - Adolescenza e adozione: crescita e sostegno al processo di sogettivazione

2018: lo sport è ancora portatore sano di valori universali (ospite Damiano Tommasi)


Data: 05 novembre  2018
Orario: dalle ore 09:00 alle ore 12.00
Corso di laurea: L'incontro è aperto agli studenti dei tre dipartimenti
Anno di corso: 1 anno
Campus: Mestre
Materia di riferimento: Psicologia dell’educazione e Psicologia dello Sport
Docenti: Prof. Ernesto Gianoli e  Prof.ssa Marcella Bounous
Posti per studenti non iscritti al corso: 50

Già nell’Antica Grecia l’educazione dell’anima, della mente e del corpo si svolgeva nelle palestre dove preparatori atletici, sofisti e filosofi interagivano con la gioventù contribuendo all’eccellenza di ogni tipo (arête). Famose scuole filosofiche, come l’Accademia di Platone e il Liceo di Aristotele, erano palestre dove i giovani allenavano il corpo e la mente per sviluppare l’arête.

Facendo nostre le regole della competizione, ci abituiamo a formarci un sistema di regole che ci dettano "come giocare" nella vita di tutti i giorni e a costruirci un sistema di valori che ci servono per orientare le nostre scelte e le nostre decisioni, a dirigere secondo un ordine di importanza le nostre azioni e il nostro stile di vita. L'attività sportiva insegna a saper vincere e a saper perdere. L'errore ci rende più consapevoli di ciò che stiamo facendo, perché ci fa capire quali sono le regole e le situazioni che ci permettono di raggiungere un obiettivo nel modo migliore, di costruire una certa padronanza delle nostre attività. Per questo motivo l'educazione fisica all’interno della scuola e la pratica di uno sport hanno una parte fondamentale nell'educazione dei ragazzi e devono essere considerate un mezzo di trasmissione di valori universali e una scuola di vita.

Purtroppo l'agonismo esasperato da fattori economici, come si verifica in certi sport professionistici, fornisce ai ragazzi dei modelli sbagliati. L'antagonismo esasperato e la ricerca del successo con qualunque mezzo sono una vera e propria alterazione dei valori dello sport.

Lo sport permette di sviluppare non solo abilità motorie, ma anche di incrementare qualità psicologiche e morali importanti.

Damiano Tommasi, (Negrar, 17 maggio 1974) ex calciatore di Verona e Roma: con la A.S. Roma ha vinto uno scudetto e una Supercoppa Italiana. Conta 25 presenze e 1 gol con la Nazionale italiana, con cui ha partecipato al Campionato mondiale di calcio 2002.  Attualmente è presidente dell'Associazione Italiana Calciatori (AIC)
 
Per partecipare al focus, è necessaria l'iscrizione tramite Eventbrite
 
Eventbrite - 2018: Lo sport è ancora portatore sano di valori universali?
 
 

FOCUS - Cyber-crime in adolescenza

Titolo: Cyber-crime in adolescenza, La Legge contro il  Cyber-bullismo tra responsabilità e comportamenti. Aspetti educativi, psicologici, giuridici ed implicazioni familiari sociali
Data: mercoledì 17 ottobre 2018 dalle 14.30 alle 17.30
Campus: Verona, Aula A

La legge si pone l'obiettivo di contrastare il fenomeno del cyberbullismo in tutte le sue manifestazioni, con azioni a carattere preventivo e con una strategia di attenzione, tutela ed educazione nei confronti dei minori coinvolti, sia nella posizione di vittime sia in quella di responsabili di illeciti, assicurando l'attuazione degli interventi senza distinzione di età nell'ambito delle istituzioni scolastiche.

All’altezza di questi obiettivi di Legge il Focus unisce la lettura politico/sociale, psicologica e giuridica per aiutare a comprenderne meglio la portata e ad analizzare gli effetti sulle famiglie e su come vengono affrontati dai media.

Ore 14.30 saluti:

  • Don Nicola Giacopini - Direttore generale I.U.S.V.E. Istituto Universitario Salesiano Venezia -Direttore Dipartimento di Psicologia
  • On. Stefano Bertacco - Senatore della Repubblica Italiana / Ass Istruzione e servizi sociali
  • dott. David De Michele -Consigliere delegato all’Istruzione della Provincia di Verona
  • Avv. Albino Barresi -Provveditore agli Studi di Verona

Ore 15.00 inizio dei lavori

  • Aspetti politico sociali (Avv. Ciro Maschio - Deputato / Presidente del Consiglio Comunale di Verona)
  • Aspetti antropologico-educativi (Don Giovanni Fasoli - pedagogista - psicologo - docente IUSVE)
  • Aspetti giuridici (Avv. Gabriella De Strobel - avvocato del Foro di Verona, referente territoriale AIAF Verona e Segretario Nazionale AIAF )
  • Aspetto psicologico (Dott.ssa Giuliana Guadagnini Psicologa clinica - Sessuologa - Specializzata in Psicologia Giuridica Civile e Penale)
  • Aspetti mediatici del fenomeno (Giorgia Argiolas giornalista)
  • Implicazioni familiari (Don Nicola Giacopini - Direttore IUSVE - Dipartimento di Psicologia IUSVE)

L’incontro è laperto a tutti i : dirigenti scolastici, docenti, educatori, e studenti IUSVE. Per partecipare è necessaria l'iscrizione. 

Eventbrite - FOCUS - Cyber-crime in adolescenza

Test psicometrici per la valutazione della violenza di genere

Titolo Focus: Test psicometrici per la valutazione della violenza di genere: Mate Retention Inventory - Short Form e Implicit Association Test (ospiti Umberto Battaglia e Aurelio Oddo)
Data: 10 ottobre 2018
Orario: dalle ore 09:00 alle ore 11:05
Corso di laurea: Laurea triennale in Psicologia dell’educazione
Anno di corso: 2 anno
Campus: Mestre
Materia di riferimento: Elaborazione e requisiti delle prove psicodiagnostiche – Test 1
Docenti: Prof. Fabio Benatti e Prof. Marco Zuin
Posti per studenti non iscritti al corso: 30

La violenza di genere è una tematica estremamente attuale e di grande interesse, sia dal punto di vista mediatico sia dal punto di vista scientifico.
Obiettivo del focus è quello di mostrare nel dettaglio due strumenti psicometrici, attualmente in fase di taratura e validazione sulla popolazione italiana, nel quale lo IUSVE è partner scientifico.
Verranno quindi analizzati: l’impianto scientifico delle ricerche, le metodologie di analisi, la costruzione degli strumenti e gli adattamenti alla popolazione italiana.
Gli studenti potranno quindi avvicinarsi a due strumenti concreti, ancora in fase di sperimentazione, e coniugare quindi gli aspetti teorici con quelli empirici.

Dott. Umberto Battaglia, Psicologo clinico e forense. Il suo lavoro di ricerca nel campo della psicologia evoluzionistica forense presso l'Ethology and Evolutionary Psychology Lab (Università di Padova) si focalizza sull'infanticidio maschile, la pedofilia ad eziologia organica, IAT e orientamento sessuale. Co-fondatore del Centro ARES per il trattamento dell'uomo autore di violenza, in cui dirige l'area ricerca.

Dott. Oddo Aurelio, Psicologo clinico e forense. Esperto Psicologo ex art 80 presso la Casa Circondariale di Udine. Presidente dell’Associazione di Promozione Sociale L’Istrice in cui si occupa dell’area del trattamento e della ricerca con gli uomini che scelgono di agire violenza. Perfezionato in Psicopatologia e neuropsicologia forense, svolge l’attività di consulente tecnico di parte in procedimenti civili e penali.

Eventbrite - FOCUS - Test psicometrici per la valutazione della violenza di genere

Stati di coscienza introspettivi profondi, dall’autoipnosi agli stati meditativi

Titolo: Stati di coscienza introspettivi profondi, dall’autoipnosi agli stati meditativi
Data: 6 e 7 ottobre 2018
Orario: 6 ottobre, dalle ore 09.00 alle ore 18.00 - 7 ottobre dalle 09.00 alle 13.00
Campus: Venezia - Aula Magna


L’evento, patrocinato dallo IUSVE e affiliato al Centro studi di Psicologia del profondo e Ipnosi clinica e alla Società Europea Ipnosi, e promosso da Aetos, è rivolto a tutti coloro che sono interessati a vario titolo alle tematiche proposte, nello specifico agli studenti del Dipartimento di Psicologia.

Il seminario, che si svolgerà nelle giornate del 6 e 7 ottobre, è dedicato all’individuazione introspettiva, ossia all’analisi delle basi neuroscientifiche della coscienza tramite gli studi dei diversi stati modificati di coscienza e la concezione neurofisiologica e psichica degli stati introspettivi.

Si discuterà di come le molteplici tecniche ipnotiche e meditative degli stati di coscienza introspettivi possono diventare un importante momento terapeutico, non solo di presa di coscienza interiore, ma anche per il sollievo dalla sofferenza psicofisica e spirituale in diverse malattie gravi croniche.

Verranno inoltre prese in considerazione le nuove vie terapeutiche che lo studio dei diversi stati di coscienza neurofisiologici consente di percorrere grazie all’integrazione di neuroscienze e psicologia clinica.

Docente
L’incontro è tenuto dalla dott.ssa Maria Paola Brugnoli, medico chirurgo, specializzato in anestesia e rianimazione, in terapia del dolore e cure palliative, ipnoterapeuta con dottorato in Neuroscienze, psicologia e psichiatria.

Accreditamento
15 crediti ECM

Sede
Il seminario si terrà nell’aula magna del Campus dello IUSVE il 6 ottobre 2018 dalle ore 09.00 alle 18.00 e il 7 ottobre 2018 dalle ore 09.00 alle 13.00. Al termine dell’incontro sarà distribuito un questionario di apprendimento per accreditamento.

Modalità e quota d’iscrizione
La quota è di 180 euro per i non studenti e di 130 euro per gli iscritti all’università.
Per partecipare, è necessario scaricare il modulo e inviarlo a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Programma digitale 

 

.

Le patologie contemporanee dell'adolescenza: Dca e Hikikomori

Titolo: Le patologie contemporanee dell'adolescenza: Dca e Hikikomori. Quali intersezioni?
Data: Mercoledì 30 maggio 2018
Orario: dalle ore 14.00 alle ore 17.30
Campus: Venezia - Aula 2/3

Il ritiro sociale è un’espressione ancora poco nota nel nostro paese anche se la clinica dimostra che siamo di fronte ad un fenomeno in preoccupante crescita. Per avere un’immagine immediata di cosa significhi si può pensare ad un ragazzo che in maniera apparentemente immotivata, si ritira nella propria stanza, lasciando la scuola, abbandonando gli amici e interrompendo ogni tipo di comunicazione con gli altri, per lunghi periodi, a volte per anni.

Sull’altro versante mangiare, ma anche solo pensare al cibo, permette di riempire ogni spazio e di non pensare al vero disagio che si nasconde dietro al disturbo alimentare che segnala sempre un disturbo della relazione con l'altro. La rinuncia anoressica al cibo, o anche l'ingordigia irrefrenabile di cibo, sembrano equivalere alla rinuncia per delusione di sé, della famiglia, del reale intero.

Cosa succede, allora, ad un ragazzo che decide di ritirasi dal mondo? Cosa succede ad una ragazza che decide di smettere di mangiare?
Sembra che questi ragazzi abbiano una patologica sensibilità al contatto che produce una superficie psichica escoriata, lacerata e perciò morbosamente sensibile. Sembra che oggi, per ovviare a questa sensazione di confini psichici incerti derivati da una società estremamente liquida, l’equilibrio possa essere garantito da una regolamentazione molto rigida degli scambi comunicativi attraverso una frontiera concreta rappresentata dalle mura domestiche o dall’estremo controllo sul cibo e sul proprio corpo.

Il seminario avrà l’obiettivo di interrogarci su queste patologie emergenti in adolescenza, hikikomori e disturbi del comportamento alimentare, sulle loro intersezioni e somiglianze, a partire da una visione che tenga in
considerazione l’influenza delle nuove tecnologie sulla psiche, lo sviluppo infantile e lo sguardo dei genitori.

Programma

14.00 - 14.30: Introduzione e saluti prof. Giacopini - prof. Giovanna Borsetto

14.30 - 15.00: “Psiche e nuove tecnologie” dott. Giovanni Fasoli

15.00 - 15.30: “Infanzia e patologie future”dott.ssa Noemi Tomasoni

15.30 - 16.00: “Hikikomori e Dca: patologie a confronto” dott.ssa Giovanna Borsetto

16.00 - 16.15: pausa

16.15 -16.45: “Genitori di fronte ai nuovi adolescenti ” dott.ssa Giulia Rossetto

16.45 -17.00: Discussione

17.00 - 17.30 Conclusioni prof. Giovanna Borsetto

Scarica il programma

Iscriviti

Eventbrite - Le patologie contemporanee dell'adolescenza: Dca e Hikikomori.