images/grafica/TESTATE/GENERALE_PSICOLOGIA/convegni.png

Customer Satisfaction - La Qualità e la Soddisfazione del cliente/consumatore: criteri, approcci e misurazione

Lo IUSVE propone per  studenti del terzo anno di Laurea triennale, di Laurea magistrale, Laureati IUSVE, psicologi e professionisti del marketing in aziende e servizi un laboratorio sulla Customer Satisfaction.
Lo psicologo ma anche l’educatore e ancor più i professionisti del settore marketing, sempre più vengono interpellati ad offrire la loro collaborazione e consulenza nella organizzazione e gestione dei rapporti con la clientela e delle risorse umane interne al sistema dei servizi.
Il ciclo di seminari e laboratori offre strumenti utili per la misurazione ed analisi della Soddisfazione del Cliente (cittadino, paziente, lavoratore, ecc.) la cosiddetta Customer Satisfaction (CS) in vari ambiti professionali.

Iscrizioni tramite Eventbrite entro giovedì 14 maggio 2015.
Inizio laboratorio: sabato 16 maggio 2015.

Annunciare la Parola nel 2025

Sarà la basilica di S. Antonio a fare da cornice di questo straordinario, inedito e innovativo incontro che per la prima volta in assoluto raduna alcune tra le più note esperienze europee di diffusione della Sacra Scrittura tramite Internet.
L’incontro pubblico si svolgerà alle ore 18 nella sala dello studio teologico della Basilica di Sant'Antonio.
Introdurrà mons. Antonio Mattiazzo, vescovo di Padova, promotore del progetto internazionale“Un attimo di pace” – “A moment of peace”.

Saranno presenti all’incontro:
Paul Tighe, Segretario del Pontificio consiglio per le comunicazioni sociali - Roma (Italia)
Eric Salobir, Promotore generale dei domenicani per i media – Retraite dans la villle – Lille (Francia)
Ruth Morris, Manager della comunicazione dei Gesuiti nel Regno Unito – Pray as You go – Londra (Regno Unito)
Roderick Vonhögen, fondatore di Star Quest Production Network – SPQN e Trideo – Amersfoort (Olanda)
Jesus Colina, Presidente e direttore editoriale di Aleteia –Aleteia – Roma

Oltre alle due realtà che si occupano di pastorale online a Padova, ovvero “Un attimo di pace” rappresentato dal direttore del progetto don Marco Sanavio e “Messaggero di S. Antonio” tramite la voce di Giulia Cananzi.
Per la prima volta in assoluto alcuni esperti, a livello internazionale, di diffusione della Bibbia tramite il web si incontreranno in presenza per dar vita ad un confronto originale e vivace derivante dalla loro esperienza personale.
Uno sguardo sul futuro dell'evangelizzazione, trasmesso in streaming da festivalbiblico.it, diocesipadova.it e altri siti che sostengono e condividono il progetto.
Sarà possibile interagire tramite live twitting con l'hashtag: #bible2025.

Convegno annuale IUSVE 2015 - Educazione ai diritti umani e alla giustizia nella "società liquida"

Sabato 18 aprile 2015, presso il Campus di Mestre, dalle ore 9.30 alle ore 16.30 si terrà il convegno annuale IUSVE 2015 dal titolo Educazione ai diritti umani e alla giustizia nella “società liquida”.

A partire dal 2013, su proposta dell’Universidade Catòlica de Brasilia (UCB) e della locale cattedra Unesco di educazione ai diritti umani, il CES don Bosco (Centro de Ensenanza Superior en Humanidades y Ciencias de la Educaciòn) di Madrid e lo IUSVE hanno avviato una ricerca comparata internazionale su “Percezioni della giustizia e dei diritti umani” presso i propri studenti universitari, utilizzando un comune strumento di rilevazione. In base ai risultati ottenuti, l’intento è quello di ripensare l’offerta formativa dell’università e di sensibilizzare i giovani ai diritti umani, nell’esercizio di una cittadinanza attiva e responsabile.


Programma della giornata
9.30 - Benvenuto e introduzione ai lavori: Arduino Salatin (preside IUSVE)

9.45 - Elogio della dignità
Riflessione introduttiva di Giovanni Maria Flick (Presidente emerito della Corte Costituzionale)

10.45 - Percezioni della giustizia e dei diritti umani degli studenti universitari IUSVE
Illustrazione della ricerca e presentazione dei risultati
A cura di: Davide Marchioro, Fabio Benatti e Christian Crocetta (docenti IUSVE)

11.20 - Presentazione dei risultati della ricerca presso gli studenti universitari CES-Madrid
A cura di Sabino de Juan Lopez (docente CES, Madrid)

11.45 - Tavola rotonda su “Educazione, diritti e cittadinanza attiva”
con Laura Liberto (rete “Giustizia per i diritti” di “Cittadinanza Attiva”), Nevio Brunetta (docente IUSVE) e Roberta Altin (docente Università di Trieste)
Modera: Roberto Albarea, docente IUSVE e Direttore della rivista “IUSVEducation”

12.45 - Discussione

13.15 - Conclusione dei lavori

14.30 - 16.30 - Teatro-forum
Performance teatrale sul tema dei diritti guidata da Laura Elia con la partecipazione di studenti IUSVE.



La partecipazione al Convegno prevede 5 ore di recupero frequenza.


Visiting Professor Jeanne Magagna: identificazioni primitive nell’adozione e nell’affidamento

Gli studenti della Laurea magistrale mPSE,  Sabato 28 marzo 2015dalle ore 9.30 alle ore 12.30, incontreranno la dott.ssa Jeanne Magagna sul tema “Identificazioni primitive nell’adozione e nell’affidamento”.


JEANNE MAGAGNA si è formata presso la Tavistock Clinic di Londra in Psicoterapia per Bambini e Adolescenti (PhD) e in Psicoterapia Psicoanalitica per Adulti; si è inoltre formata come terapeuta della famiglia presso lo Sheldon Fellow Family Therapy Training ed è stata a capo del Servizio di Psicoterapia presso l'Ospedale per Bambini "Great Ormond Street" di Londra per 24 anni. È attualmente Consultant Child, Adult and Family Psychotherapist presso l'Ellern Mede Centre per i disturbi alimentari e vice-presidente e co-coordinatore del training sul Modello Tavistock del Centro Studi Martha Harris di Firenze, Venezia e Palermo. È inoltre consulente dello staff per le adozioni del "Great Ormond Street" Hospital Eating Disorders Team.

Lo IUSVE propone dall’A.A. 2013-2014 un laboratorio di “Infant Observation” con metodologia Tavistock.

L'evento è in collaborazione con Centro Studi Martha Harris di Venezia.
La partecipazione è libera e aperta in particolare a psicologi, psichiatri, educatori e a chi lavora nel campo dell’infanzia, delle adozioni e affidi.

Convegno IUSVE-SCRIVI 2014 - Minori "in rete": strumenti e strategie di prevenzione

Martedì 27 maggio 2014, dalle ore 11.30 alle 17.00, presso l'aula magna dell'Istituto San Marco, si svolgerà il convegno "Minori in rete - Strumenti e strategie di prevenzione", promosso dallo SCRIVI IUSVE.

La rete apre grandi opportunità ma può anche risultare veicolo per comportamenti scorretti e/o criminali, comportamenti dei quali i giovani potrebbero divenire protagonisti, in qualità di attori e/o in qualità di vittime: dall’adescamento on-line, alla concessione dei propri dati personali a fini di lucro, fino al cyber bullismo.
Il convegno è diretto a studiosi, in particolare insegnanti, ed educatori, oltre che psicologi, criminologi e giuristi, ed ha come obiettivo quello di riflettere sulle modalità attraverso le quali è possibile individuare il fenomeno, individuarne le cause e, di conseguenza, le modalità e le strategie per contrastarlo e, soprattutto, per prevenirlo.
La partecipazione di relatori provenienti da diverse formazioni, con diverse competenze e responsabilità professionali, dimostra la pluridisciplinarietà del fenomeno e garantisce una visione integrata, imprescindibile per un’analisi che si dimostra essere sempre più trasversale e complessa.

Letizia Moratti lancia a Iusve l’«economia positiva». Al convegno annuale dell’Università salesiana la proposta di una finanza diversa, che aumenti il benessere sociale

«Siamo chiamati a ripensare il nostro modello economico e sociale. Tutti: gli stati, la finanza, le imprese e anche il “terzo settore”». L'appello a puntare su una nuova economia, l'«economia positiva» (secondo la definizione di Jacques Attali), è risuonato oggi nel campus di Iusve, l'Università salesiana di Venezia. A farsi portavoce di questa istanza è stata Letizia Moratti, già sindaco di Milano e ministro dell'Istruzione, che ha dato avvio al convegno annuale dell'istituto universitario, centrato su “Abitare il futuro. Nuove prospettive per uno sviluppo equo e sostenibile”.

Quella attuale, ha spiegato Moratti, non è «un'epoca di cambiamenti, ma il cambiamento di un'epoca», che vive le conseguenze – in termini di recessione e disoccupazione – di «una finanza stravolta, non più a servizio dell'economia ma di se stessa». La co-fondatrice della Fondazione San Patrignano, che fa parte anche di una task force sulla finanza sociale del G8, ha auspicato la definizione di «un nuovo modello economico che tenga conto di indicatori diversi rispetto a quelli attuali», come il Pil. C'è necessità allora di creare «un ecosistema favorevole perché tutte le imprese sentano propria, oltre al profitto, la missione di contribuire al benessere sociale e collettivo». Una risposta alla crisi sono infatti anche le “imprese sociali”, che hanno come obiettivo la soluzione di problemi sociali e che in Europa danno lavoro a 11 milioni di persone e rappresentano il 10% del Pil. Vanno perciò salutati con estremo interesse la recente dichiarazione di Strasburgo, che chiede uno sviluppo “più giusto, più verde e ancorato nelle comunità locali”; come anche le moderne forme di microcredito, la nascita della prima borsa sociale europea, l'emissione dei primi “social impact bond”, il cui rendimento è ancorato a obiettivi non finanziari ma sociali. Di questi temi si parlerà nel corso di LHFORUM, ospitato il 12 e 13 giugno a San Patrignano; del comitato scientifico farà parte anche il preside di Iusve, Aurduino Salatin.

Leggi tutto