images/grafica/TESTATE/GENERALE_PSICOLOGIA/convegni.png

Summer School in psicotraumatologia e psicologia nell'emergenza

Dal 20 al 23 luglio 2017 presso l'Antico Borgo medievale "Rondine" di Arezzo avrà luogo la prima edizione della Summer School organizzata dal Dipartimento di Psicologia in collaborazione con il Centro di ricerca SCRIVI, dal titolo "Trauma e comportamento violento. Elementi di psicotraumatologia e psicologia nell'emergenza".

La Summer School in 'Psicotraumatologia' offrirà giornate di formazione secondo moduli didattici frontali ed esperienziali su tutta la tematica riguardante l’origine del trauma e la violenza. Verranno quindi presi in considerazione non solo il rapporto tra traumatismo e successivo comportamento violento ma anche la relazione tra trauma ed esperienze successive di vittimizzazione nonchè discusse alcune tecniche di trauma recovery. Nel far ciò verranno analizzate le più recenti teorie del trauma, dall’ipotesi polivagale di Stephen Porges a tutto il contributo che le neuroscienze offrono sul tema.

Verranno a tal scopo discussi casi concreti. Nel corso delle giornate verrà anche introdotto il riconoscimento vocale del trauma, un recente filone di ricerca inaugurato da un’equipe di studiosi capitanata dal dr. Roberto Troisi, psicoterapeuta ed anche riportate dal dr. Alessandro Padovani, dell’ Opera Don Calabria, alcune esperienze di presa in carico di minori e adulti traumatizzati. Ampio risalto verrà dato anche al processo di vittimizzazione da parte del prof. Marco Monzani.

Il docente della Summer School sarà
Silvio Ciappi, criminologo di fama internazionale e docente del Master Universitario in Criminologia, Psicologia Investigativa e Psicopedagogia forense
L'incontro avrà la valenza di 
24 ore pari a 3 ECTS che verranno riconosciuti a incontro concluso.

Per ulteriori informazioni: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

I costi e le modalità di iscrizione verranno comunicati a breve.

Seminario Internazionale - Epistemologia della ricerca: approcci e prospettive

Il 27 aprile 2017 dalle ore 9.00 alle ore 12.45, presso il Campus IUSVE di Mestre si terrà il seminario internazionale dal titolo "Epistemologia della ricerca: approcci e prospettive".

ll Seminario Internazionale è finalizzato, in primis, ad approfondire sul piano epistemologico la ricerca nelle scienze umane, con peculiare attenzione alla ricerca-azione, che sarà presentata anche attraverso l'apporto di alcune ricerche condotte dagli stessi relatori-relatrici. Contestualmente, sarà rilevante stimolare riflessività e dialogo  circa alcune questioni di fondo che animano il dibattito attuale sulla ricerca in particolare nei settori empirici della Pedagogia e della Psicologia.

Ci condurranno nella comprensione-analisi epistemologica due Maestri internazionali della ricerca-azione: Jean Pierre Pourtois e Huguette Desmet, Professori Emeriti in Scienze dell'Educazione dell'Università di Mons ed entreremo  nella ricerca sul campo grazie al contributo prezioso di Fabienne Battaglia e Bernard Curti, Funzionari Pedagogici Nazionali francesi.

Interverranno e coordineranno il Seminario due Professori IUSVE impegnati nella Metodologia della ricerca Anna Pileri e Davide Marchioro.

Anna Pileri, PhD in Psicologia e Pedagogia, Prof.ssa Metodologie qualitative della ricerca del Dipartimento di Psicologia IUSVE, Coordinatrice di ricerche nazionali e internazionali e Membro dell'équpe di ricerca Psychomuse, Paris Ouest, Nanterre La Défense.

Il seminario comincerà con i saluti e con una introduzione di N. Giacopini (Direttore IUS e di Dipartimento). In seguito intervengono e coordinano A. Pileri (Coordinatrice di ricerche nazionali e internazionali e Docente del corso di Metodologie qualitative della ricerca presso lo IUSVE) e D. Marchioro (Coordinatore del CdL Magistrale di Psicologia Clinica e di Comunità - IUSVE).

I relatori e le tematiche affrontate sono le seguenti: 
-  J.P. Pourtous e H. Desmet (Professori Emeriti di Scienze Pedagogiche presso l'Università di Mons - Belgio) - Epistemologia della Ricerca;
-  B. Courti e F. Battaglia (Funzionari pedagogici nazionali francesi) - Esperienza di Ricerca-Azione nel Comune di Beausoleil (Francia) nell'ambito dell' Erasmus Plus - REIC "Rete di Scambio di interculturalità e di co-educazione. Reséau d'échange d'interculturalité et de co-éducation".

Il Comitato Scientifico del Seminario sarà formato da N. Giacopini, A. Pileri, D. Marchioro e M. Padovan (Coordinatrice del Master IUSVE per coordinatori Psicopedagogici).

Per info e iscrizioni: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

CUSS incontra la TMA: Terapia Multisistemica in Acqua (Ospite Giulia Gazzola)

Il giorno venerdì 31 marzo 2017 dalle 9.30 alle 12.30 presso il campus IUSVE di Mestre, la dott.ssa Giulia Gazzola terrà un incontro con gli studenti del corso della Prof.ssa Lara Fressini di Psicologia dell’Integrazione educativa e scolastica sul metodo T.M.A.
La Terapia Multisistemica in Acqua (T.M.A.) metodo Caputo Ippolito nasce con l’obiettivo di inserirsi in un progetto riabilitativo globale, che cura in particolar modo gli aspetti relazionali, emotivi e di integrazione sociale. Agli studenti verrà presentato il metodo TMA-CI e trattati i temi e i  principi di base della metodologia d’intervento, proponendo esempi di applicazione di TMA.

La Dott.ssa Giulia Gazzola è Psicologa dell’educazione, Operatrice e Coordinatrice delle attività Terapeutiche per la Terapia multisistemica Caputo Ippolito - Regione Veneto.

CUSS incontra l’azione terapeutica della canzone e della musica

Il giorno 28 marzo 2017 dalle 9.00 alle 12.15, presso il campus di Mestre, si terrà un incontro con gli studenti del corso di Psicopatologia Descrittiva del Prof. Capodieci sulla Psicopatologia cantata che riguarderà l’azione terapeutica della canzone e della musica. L'incontro prevede la collaborazione di IUSVE con l'Associazione Psicantria con Gaspare Palmieri, psichiatra e cantautore, e Christian Grassilli, psicoterapeuta e cantautore.

Il dottor Palmieri è psichiatra, psicoterapeuta, dottore di ricerca in Psicobiologia dell’uomo, cantautore. Svolge l’attività di psichiatra presso l’Ospedale Privato Villa Igea di Modena. È autore di numerose pubblicazioni su riviste nazionali e internazionali di psichiatria e psicoterapia. 

Il dottor Grassilli è psicologo, psicoterapeuta, musicoterapeuta, cantautore. Svolge attività libero professionale a Bologna come psicoterapeuta e musicoterapeuta e collabora con diverse associazioni del territorio in progetti di prevenzione, formazione e integrazione scolastica con l’utilizzo della musica.

Saranno proposti esempi di applicazione della musicoterapia in casi clinici in vari contesti di cura e alcuni brani tratti dai CD pubblicati dagli autori.

FOCUS - Pet therapy: cura a quattro zampe

Titolo Focus: Pet therapy: cura a quattro zampe
Data: sabato 13 maggio 2017
Orario: 14.15 - 17.45
Corso di laurea: Licenza/Laurea magistrale in Psicologia clinica e di comunità
Anno di corso: 2016/17
Campus: Mestre
Corso di riferimento: Psicologia dell’integrazione educativa e scolastica
Docente: Prof.ssa Lara Fressini
Posti per i partecipanti: 50

L’animale può contribuire al benessere dell’uomo?
Possiamo strutturare percorsi riabilitativi e terapeutici nei quali l’animale diviene a pieno titolo parte del progetto di cura?
Tutti coloro che amano gli animali, non mettono in dubbio il sostegno emotivo ed affettivo che è possibile ricevere dall’interazione e dalla relazione con gli stessi, mentre la comunità scientifica è più cauta a riguardo e le ricerche scientifiche che riguardano la relazione uomo-animale necessitano di approcci metodologici rigorosi e uniformi specie per quanto attiene la dimensione psicologica.
Mediante lo svolgimento di attività laboratoriali e l’analisi critica di alcuni case report si cercherà di mettere a tema ed approfondire questo nuovo spazio della cura e del benessere della persona.

Introduce e coordina Prof.ssa Lara Fressini responsabile CUSS – Centro Universitario Studi sulla Salute IUSVE.
L’esperienza dell’Ulss 3 Serenissima: "Interventi assistiti con gli animali e cure palliative" sarà gestito da Prof. Giovanni Poles responsabile nucleo cure palliative Ulss 3 Serenissima e dal Dott. Carmine Guadagno Responsabile U.O.C. Veterinaria Area A/C Ulss 3 Serenissima.

Esperienza didattica laboratoriale dal titolo "Pet Therapy: applicazioni pratiche e ruolo dello psicologo" è condotta da:
- Dott.ssa Fiorenza Scagnetto pet operator, tecnico di riabilitazione equestre e formatore;
- Dott.ssa Valentina Notari psicoterapeuta e terapeuta in riabilitazione equestre;
- Dott. Antonio Pignatto formatore area sanità.

Agli studenti del corso Psicologia dell’integrazione educativa e scolastica verrà riconosciuta la regolare frequenza a lezione.
A tutti gli altri partecipanti verrà rilasciato un attestato di partecipazione.

Per gli studenti IUSVE (posti limitati) la partecipazione è gratuita e richiede l’iscrizione obbligatoria tramite eventbrite. 

Eventbrite - FOCUS - Pet therapy: cura a quattro zampe

Il focus - evento è in fase di accreditamento ECM.
Essendo i posti riservati ai dipendenti AULSS3 - Serenissima limitati (massimo 25 partecipanti) le iscrizioni verranno accettate in base all'arrivo, specificando il servizio di appartenenza, inviando una mail a:
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

Per ulteriori informazioni: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

FOCUS - Psychology: To be or not to be (a science)? That is the question.

Il Focus si presenta nella forma del laboratorio finalizzato a far riflettere gli studenti sullo statuto epistemologico della psicologia. Alla fine del breve percorso lo studente dovrebbe essere in grado di:
- individuare un criterio di demarcazione fra teorie scientifiche e teorie pseudo-scientifiche;
- riconoscere le ragioni per cui la psicologia è definibile come “scienza” e i casi in cui teorie che si presentano come “scientifiche”, in realtà, non lo sono.

Il metodo è laboratoriale: brevi presentazioni delle questioni, lavoro guidato a piccoli gruppi su brevi testi, discussione in assemblea plenaria, rilancio delle questioni.
I testi saranno disponibili in piattaforma nello spazio dei corsi dei due docenti (prof. Michele Marchetto e prof.ssa Beatrice Signorotto). 

Primo incontro: 22 marzo, ore 14.30-16.30
La pre-comprensione degli studenti:
- L’immagine corrente della scienza e del “metodo scientifico”;
- Conoscenza vera, conoscenza certa, conoscenza probabile?;
- Scienza e pseudo-scienza?;
- Conoscenza oggettiva della realtà?;
- Quale osservazione della realtà.

Confronto e discussione a gruppi

Secondo incontro: 29 marzo, ore 14.30-16.30
Breve introduzione al metodo scientifico “classico” e Il problema del criterio di demarcazione:
- Popper e il falsificazionismo;
- Kuhn e i paradigmi scientifici;
- Feyerabend e l’anarchismo epistemologico.

Lavoro personale e a gruppi su testi tratti da:
- R. Popper, La scienza: congetture e confutazioni;
- Kuhn, La struttura delle rivoluzioni scientifiche;
- Feyerabend, Contro il metodo.

Terzo incontro: 5 aprile, ore 14.30-16.30
- teorie della psicologia e demarcazione fra scienza e pseudo-scienza: lavoro a gruppi;
- presentazione delle riflessioni dei gruppi;
- discussione e conclusioni.

Eventbrite - FOCUS - Psychology: To be or not to be (a science)? That is the question.

Tirocinio psico-giuridico - Pedofilia e pericolosità sociale

Titolo: Tirocinio psico-giuridico - Pedofilia e pericolosità sociale 
Data: 31 maggio 2017
Orario
: dalle ore 15.00 alle ore 18.30
Corso di laurea: Laurea triennale in Psicologia dell'educazione
Anno di corso: 1, 2 e 3 anno
Campus: Venezia
Materia di riferimento: Psicologia giuridica e Vittimologia
Relatori: Prof. Marco Monzani e Dott.ssa Valentina Bandiera

La pericolosità sociale del pedofilo è tematica che da sempre impegna gli studiosi con alterne fortune. Si tratta di questione non sempre agevole, vuoi per l’interesse mediatico che suscita, vuoi per la scarsità di studi scientifici relativi al pedofilo non abusante.
L’occasione per nuove riflessioni è data dalla pubblicazione del DSM-5 nel quale sono state riviste le categorie nosografiche delle parafilie. In particolare, per quanto riguarda la pedofilia, la nuova classificazione in interesse pedofilico e disturbo pedofilico ha interessato non poche questioni relative all’applicazione di queste nuove categorie al mondo forense.
Il seminario propone alcune riflessioni relative alle diverse velocità con le quali stanno progredendo le scienze psicologiche e le scienze giuridiche, e la conseguente difficoltà nel trovare un linguaggio comune in grado di consentire un contributo efficace delle scienze psicologiche al mondo forense.

Il riconoscimento del tirocinio è riservato agli studenti del primo anno del Dipartimento di Psicologia iscritti all’insegnamento di Psicologia Giuridica (titolare prof. Marco Monzani), tuttavia la partecipazione è aperta a tutti gli studenti IUSVE dei tre Dipartimenti.
Il tirocinio si svilupperà in 6 seminari, della durata di 2 ore ciascuno, suddivisi in 3 giornate (2 seminari a giornata) al termine delle lezioni del Corso di Psicologia Giuridica.
La partecipazione ai 6 seminari, oltre alla partecipazione al Premio SCRIVI 2017 (25 marzo 2017) e al Convegno annuale IUSVE-SCRIVI (20 maggio 2017) verrà riconosciuta come 50 ore di tirocinio accademico.

La vita emotiva del bambino e della famiglia (ospite dott.ssa Jeanne Magagna)

Data: dal 16 al 18 febbraio 2017
Orario: 
dalle 09:00 alle 13:00 e dalle 14:00 alle 18:00
Campus: 
Aula 2/3 – Palazzo IUSVE Mestre (giovedì e venerdì) e Aula Magna (sabato) 
Posti per studenti: giovedì e venerdì 40, sabato 200
Posti per esterni: giovedì e venerdì 60, sabato 100

Il vissuto emotivo in gravidanza, il cambiamento del ruolo maschile e femminile nella famiglia, il supporto psicologico nella relazione madre-padre-bambino, in particolare nella depressione infantile e genitoriale. Per il terzo anno consecutivo, dal 16 al 18 febbraio 2017 studenti e docenti del Dipartimento di Psicologia IUSVE interessati alle dinamiche dell’età evolutiva e della famiglia, professionisti psicologi, psicoterapeuti individuali e famigliari e operatori dell’educazione, potranno incontrare la dr.ssa Jeanne Magagna, sul tema “Il sostegno allo sviluppo della vita emotiva del bambino e della famiglia”.  La formazione prevede momenti seminariali, discussione di casi e lavori di gruppo. L'evento è in collaborazione con il Centro Studi Martha Harris di Venezia.

Jeanne Magagne: ha conseguito il dottorato di ricerca con un programma di ricerca congiunto dell’ University of East London e della Tavistock Clinic. Recentemente è stata a capo del Servizio di Psicoterapia presso l'Ospedale per Bambini "Great Ormond Street" di Londra. È attualmente Consultant Psychotherapist presso l'Ellern Mede Centre per i disturbi alimentari e Consulente presso il Family Futures Adoption and Fostering Consortium. I suoi interessi professionali includono attività preventive con fanciulli, disturbi alimentari, autolesionismo. Ha svolto attività didattica a livello internazionale. Le sue pubblicazioni includono curatele o collaborazioni congiunte: Universals of Psychoanalysis, The Silent Child: Communication without Words (trad. it: Il bambino silenzioso: comunicare senza parole), Intimate Transformations;  Babies with their Families and  Psychotherapy with Families, Being Present for Your Nursery Age Child and Creativity and Psychotic States in Exceptional People. Jeanne Magagna è stata uno dei fondatori del Centro Studi Martha Harris nell’ambito della formazione di psicoterapeuti infantili nelle sedi di Firenze e Venezia.

Di seguito è possibile scaricare il programma digitale delle tre giornate: 



Iscrizioni per il Seminario a numero chiuso di giovedì e venerdì
Per gli studenti in Psicologia la partecipazione ad almeno due giornate potrà rilasciare 2 CFU per recupero ore o per assolvimento CFU di debito. Necessaria iscrizione tramite il pulsante di Eventbrite in fondo alla pagina.
Per gli esterni che vorranno partecipare alle giornate seminariali di giovedì e venerdì è prevista l’iscrizione tramite modulo sottostante ed il pagamento di 50 € (1 giornata), 80 € (2 giornate).


Iscrizioni per il Convegno aperto di sabato
Per la giornata di sabato l’evento è gratuito per tutti ed è necessaria l’iscrizione tramite Eventbrite: al termine dell’evento verrà rilasciato un certificato di partecipazione. Per gli studenti la partecipazione al Convegno rilascia 1CFU per recupero ore.

Eventbrite - La vita emotiva del bambino e della famiglia (ospite dott.ssa Jeanne Magagna)

Tirocinio psico-giuridico: La pericolosità sociale alla luce dei nuovi orientamenti

Titolo: Tirocinio psico-giuridico/6 - La pericolosità sociale alla luce dei nuovi orientamenti
Date: 21 dicembre 2016
Orario: dalle ore 15.30 alle ore 17.30
Corso di laurea: Laurea triennale in Psicologia dell’educazione
Anno di corso: I, II e III anno
Campus: Venezia
Materia di riferimento: Psicologia giuridica e Vittimologia
Docente: Dott. Claudio Fabbrici

Il focus, intitolato “La pericolosità sociale alla luce dei nuovi orientamenti”, è dedicato alla riflessione sul tema della pericolosità sociale, la quale è stata storicamente legata al tema dell’imputabilità.
A fronte delle più recenti diatribe all’interno della comunità scientifica, il focus focalizzerà l’opportunità di svincolare la valutazione della pericolosità sociale dall’imputabilità e con quali strumenti scientificamente validati.

Dott. Claudio Fabbrici, psicologo e psicoterapeuta. Già docente di Psicopatologia dello sviluppo e di Psicologia dinamica; responsabile del Servizio clinico bambini e adolescenti, Dipartimento di Psicologia, Università degli Studi di Bologna. Responsabile clinico della Casa San Giuseppe di Ronco all'Adige (VR). Co-fondatore di Contras.Ti Coordinamento Nazionale Trattamento sex-offenders Testimonianze Italiane.

Il focus è inserito all’interno di un percorso composto da sei incontri che nel loro complesso costituiscono il tirocinio psico-giuridico, proposto dal Centro Universitario di Studi e Ricerche in Scienze Criminologiche e Vittimologia (SCRIVI) diretto dal Prof. Marco Monzani e diretto a tutti gli studenti del corso di laurea triennale in Psicologia dell’educazione.
La partecipazione a tutti e sei i seminari permetterà di acquisire 50 ore di tirocinio accademico.
La partecipazione, invece, al singolo focus permetterà di acquisire 2,5 ore di credito orario.

Si ricorda agli studenti che per poter aver riconosciuta la frequenza al FOCUS è necessario compilare il foglio di iscrizione fornito dal Prof. Marco Monzani.

Seminario ed esercitazione: Psiche e soma nella storia della classificazione psichiatrica. L’esempio della pellagra e la nascita dell’iconografia manicomiale

Titolo: Psiche e soma nella storia della classificazione psichiatrica. L’esempio della pellagra e la nascita dell’iconografia manicomiale (ospite Dott. Egidio Priani)
Data: 15 e 22 dicembre 2016
Orario: dalle ore 15.30 alle ore 19.30
Corso di laurea: Laurea magistrale in Psicologia clinica e di comunità
Campus: Mestre
Materia di riferimento: Psicosomatica
Docente: prof. Giovanni Marchioro

Il nesso tra mente e corpo, la clinica e la psicopatologia, vengono concettualizzate a partire da specifiche condizioni storico sociali e di contesto. Le teorizzazioni in ambito psicologico e psichiatrico sorgono a partire da determinate “condizioni di possibilità”.  Il seminario si propone di sensibilizzare e orientare gli studenti verso una consapevolezza ed un’attitudine critica circa tali condizioni di contesto. Queste informano le categorie diagnostiche e le affezioni psichiche che pertanto non possono affatto considerarsi degli “oggetti di natura”, ma degli artefatti bio-culturali e storici che, oltre che conosciuti ed utilizzati nella clinica, necessitano di essere costantemente interrogati e compresi nella loro genealogia.

Nel corso della prima sessione il Dott. Egidio Priani - research assistant presso l’Università di Leicester (U.K.) dal 1/9/2013, nell'ambito del progetto di ricerca "Rough Skin: maize, pellagra and society in Italy, 1750-1910"-  traccerà la storia di una emblematica malattia che colpì l’Italia nel corso del XIX secolo: la pellagra. Questa malattia, che affondava le sue radici nella povertà endemica e nel monofagismo a base di polenta di mais, rimase a lungo un mistero per i medici italiani ed europei. Il dilemma intorno a questa affezione sarà chiarito solo negli anni ’30 del 900. Nella sua fase finale la pellagra dava sintomi psichiatrici molto gravi, pertanto essa contribuì enormemente all’incremento dei numeri manicomiali nel corso del secolo.

Saranno dunque trattati i principali temi del dibattito medico e psichiatrico intorno a questa/e malattia/e, le diverse ipotesi esplicative, le forme di cura e trattamento, il ruolo delle istituzioni manicomiali. Al tempo stesso verrà messo in luce l’affacciarsi sulla scena medica di un formidabile strumento di rappresentazione e affermazione del sapere medico: la fotografia. Intorno alla pellagra e alle altre malattie della mente (e del corpo), inizia a costruirsi una vera e propria iconografia che si pone un duplice obiettivo: divulgare la conoscenza medica e rinforzare lo statuto e la credibilità scientifica della giovane disciplina psichiatrica. Verranno illustrati e commentati documenti fotografici dell’epoca relativi al manicomio e ai pazienti internati, sia pellagrosi che non pellagrosi, argomentando il significato che tali documenti assunsero per l’epoca ed evidenziando il contributo della fotografia per lo sviluppo dei concetti psicologici e psichiatrici a cavallo del secolo.

Nel corso della seconda sessione saranno proposte agli studenti delle letture da fare in piccoli gruppi (max. 5/6 persone). Saranno selezionati e proposti brani tratti dai seguenti autori: German E. Berrios - Michel Foucault - Georges Canghuilhem – Lorraine Daston – Allen Frances – Ian Hacking. La consegna sarà quella di leggere e analizzare criticamente gli articoli, discutendone in gruppo e producendo una sintesi della discussione da proporre successivamente in plenaria agli altri gruppi.

Essendo disponibile una ricca documentazione e una significativa raccolta fotografica, il Dipartimento di Comunicazione, con la professoressa Arianna Novaga, verrà coinvolto allo scopo di allestire una mostra.