Esordio psicotico e suicidio: studio del comportamento suicidario di un campione di soggetti al primo esordio psicotico e analisi dei fattori correlati al suicidio

Studente: Teresa Morello
Titolo tesiEsordio psicotico e suicidio: studio del comportamento suicidario di un campione di soggetti al primo esordio psicotico e analisi dei fattori correlati al suicidio
Docente relatore: Prof. Emanuele Toniolo
Docente controrelatore: Prof. Salvatore Capodieci
Presidente commissione di tesi: Prof. Marco Monzani
Data discussione tesi: 20 luglio 2019
Laurea Magistrale Internazionale inPsicologia clinica e di comunità

Il rischio di suicidio nei soggetti al primo episodio di psicosi (FEP = First Episode psychosis) è stato sempre poco studiato e investigato, ma è considerevole la sua importanza per la prognosi e nel lavoro clinico con i pazienti. In questo studio si è cercato di analizzare l’ideazione suicidaria e il comportamento suicidario associato in soggetti con esordio psicotico. Metodo: Sono stati esaminati 142 adolescenti (dai 13 ai 35 anni, 69,0% di genere maschile, 87,3% gruppo etnico caucasico) rientranti nel progetto ReARMS (Reggio Emilia At-Risk Mental states) e seguiti per 3 anni. Per sondare il rischio di suicidio sono stati analizzati i punteggi a specifici items derivati dal Comprehensive Assessment of At-Risk Mental states (CAARMS) e dalla Beck Depression Inventory-II (BDI-II). Inoltre sono stati registrati i tentativi di suicidio e i suicidi completati. Risultati: La valutazione al baseline ha rilevato 142 soggetti FEP e 99 soggetti non FEP sono rientrati nel gruppo di controllo. Dall’elaborazione dei dati è emerso che la più della metà dei soggetti FEP (52,3%) aveva ideazione suicidaria, calcolata tramite il punteggio all’item 7.3 della CAARMS, diversamente dai soggetti appartenenti al gruppo di controllo, i quali, solo nel 29,3% dei casi, mostrava pensieri e ideazione suicidaria. Inoltre, i tentati suicidi messi in atto dai pazienti FEP prima dell’ingresso nel progetto ReARMS e durante i 3 anni di follow-up, erano in numero maggiori rispetto ai tentativi di suicidio precedenti e a quelli commessi durante la durata dello studio, dai pazienti non FEP. Infine sono state individuate alcune caratteristiche socio-demografiche e patologiche correlate al suicidio nei pazienti al primo episodio psicotico, come l’appartenenza al genere maschile o la depressione, considerate fattori di rischio per il suicidio durante l’esordio psicotico. Conclusioni: L’alta prevalenza di ideazione e comportamenti suicidari individuati nei pazienti al primo episodio psicotico, supportano la necessità di prendere in considerazione le variabili legate al suicidio e ai comportamenti autolesionistici, nella pratica clinica e nel monitoraggio dei pazienti a rischio.

Suicide risk in subjects with first episode psychosis (FEP) has been rarely assessed, but it is obvious importance for prognostic and clinical care reasons. In this study, we aimed to prospectively assess suicide risk and behaviors in FEP patients. 
Method: We examined 142 help-seeking patient (13-35 years, 69,0% males, 87,3% Caucasian) that were enrolled in the Reggio Emilia At-Risk Mental States (ReARMS) project and followed up for 3 years. Specific items derived from the Comprehensive Assessment of At-Risk Mental States (CAARMS) and the Beck Depression Inventory-II (BDI-II) were used to assess suicide risk. Suicide attempts and completed suicide were also recorded.  Results: Baseline assessment detected 142 FEP subjects and 99 NON FEP, falling within the control group. More than half of the FEP sample (52,3%) had suicidal ideation, measured by item 7.3 of CAARMS, while only 29,3% of NON FEP had suicidal behaviour.  Moreover past and during the follow-up period suicide attempts committed by FEP patients were higher than control group.  Finally we identified some socio-demographic and pathological features related to suicide in first episode psychosis, as male gender or depression, that can be considered as risk factors during the first episode psychosis.