Promuovere l’esperienza del limite come luogo di strutturazione di identità: difficoltà e cambiamenti del ruolo del caregiver tra società postmoderna e dipendenze patologiche

Studente: Tecla Fabris
Titolo tesiPromuovere l’esperienza del limite come luogo di strutturazione di identità: difficoltà e cambiamenti del ruolo del caregiver tra società postmoderna e dipendenze patologiche
Docente relatore: Prof. Federico Battaglini
Docente controrelatore: Prof. Giampaolo Mazzara
Presidente commissione di tesi: Prof. Davide Maria Marchioro
Data discussione tesi: 19 marzo 2020
Laurea Magistrale Internazionale inPsicologia clinica e di comunità

Il principale scopo del presente elaborato è quello di analizzare l’importanza che ha fare esperienza del limite nel processo di strutturazione di identità e autonomia del soggetto. In particolare, si cerca di dimostrare come un adeguato supporto del caregiver sia essenziale per promuovere un sano confronto con tale esperienza. Nel primo e nel secondo capitolo vengono individuate e descritte due funzioni che riassumono i compiti dei caregiver nel supportare il soggetto nell’incontro con il limite: mettergli un limite per favorire la regolazione dell’integrazione sociale e stimolarlo al confronto con esso per favorire la regolazione della realizzazione personale. Nel terzo capitolo si esamina come, nella società postmoderna, per i caregiver sia sempre più complesso promuovere lo sviluppo di autonomia tramite l’incontro con l’esperienza del limite, evidenziando come le funzioni citate fatichino ad essere portate a termine. Nel quarto capitolo si prende in considerazione la dipendenza patologica, disturbo tipico della società postmoderna, analizzando come essa sia caratterizzata da una difficoltà a rapportarsi all’esperienza del limite e, dunque, a sviluppare autonomia e identità. Viene esaminata l’influenza che i caregiver possono aver avuto nel determinare tale condizione, faticando ad esercitare le due funzioni. Si mostra, infine, come sia possibile lavorare in comunità terapeutica sulla ristrutturazione dell’esperienza del limite al fine di superare lo stato di dipendenza.

The main purpose of this paper is to analyze the importance of experiencing the limit in the process of structuring the identity and autonomy of the subject. In particular, an attempt is made to demonstrate how adequate caregiver support is essential to promote a healthy comparison with this experience. In the first and second chapters, two functions are identified and described which summarize the tasks of the caregivers in supporting the subject in the encounter with the limit: to put a limit on it to favor the regulation of social integration and to stimulate comparison with it to encourage regulation of personal fulfillment. The third chapter examines how, in postmodern society, it is increasingly complex for caregivers to promote the development of autonomy through the encounter with the experience of the limit, highlighting how the aforementioned functions struggle to be completed. In the fourth chapter, pathological dependence, a typical disorder of postmodern society, is considered, analyzing how it is characterized by a difficulty in relating to the experience of the limit and, therefore, in developing autonomy and identity. The influence that caregivers may have had in determining this condition, struggling to exercise the two functions, is examined. Finally, it is shown how it is possible to work in the therapeutic community on the restructuring of the experience of the limit in order to overcome the state of dependence.