Dalla parte dei minori. Tre chiavi di lettura su minori vittime di alienazione e violenza assistita

Studente: Chiara Gaffo
Titolo tesiDalla parte dei minori. Tre chiavi di lettura su minori vittime di alienazione e violenza assistita
Docente relatore: Prof. Marco Monzani
Docente controrelatore: Prof.ssa Maria Angela Rossi
Presidente commissione di tesi: Prof. Salvatore Capodieci
Data discussione tesi: 20 luglio 2019
Laurea Triennale Internazionale inPsicologia dell'educazione

Il seguente elaborato definisce e analizza i fenomeni della Sindrome di Alienazione Parentale (PAS) e della violenza assistita alla luce di tre chiavi di lettura differenti, ma tra loro correlate e intrecciate: psicologica, giuridica e criminologica-vittimologica. L’obiettivo fondamentale è quello di portare evidenze da parte di tutti e tre i punti di vista al fine di avvalorare scientificamente l’esistenza e l’importanza del riconoscimento dei due fenomeni, tanto a livello psicologico quanto a livello giuridico, e di conseguenza vittimologico, in quanto ancora oggi si incontrano autori negazionisti nei confronti della PAS e “passivisti” nei confronti della violenza assistita. L’identificazione delle due forme di violenza e l’inserimento di esse all’interno del DSM-5 e del Codice Penale aiuterebbe sicuramente un maggior riconoscimento delle principali vittime di questi fenomeni analizzati all’interno della seguente tesi: i minori vittime di abusi e maltrattamenti da parte dei propri genitori. La metodologia seguita per la stesura dell’elaborato si è avvalsa di fonti bibliografiche criticate in quanto prove a sostegno della tesi: l’autore di partenza per l’analisi della PAS è Gardner, a sostegno della violenza assistita il CISMAI. La teoria di riferimento è quella sistemico-relazionale e ci saranno contribuiti fondamentali presi dal Codice Penale. Entrambe le evidenze scientifiche hanno aiutato a portare prove a favore della tesi e a validare l’esistenza tanto della PAS quanto della violenza assistita in campo psicologico-psicopatologico e giuridico, portando così il proprio contributo a sostegno per il riconoscimento dei minori vittime di questi due reati.

The following paper will define and analyse the phenomena of Parental Alienation Syndrome (PAS) and witnessing violence in the light of three different, while correlated interpretations: the psychological one, the juridical one and the criminological-victimological one. The paper’s main aim is to offer supporting scientific evidence from all three approaches to prove the existence and need for recognition of the two phenomena, both on psychological and legal aspects and, as a result, that of victimization, mindful of the fact that even today, there are authors who deny PAS, questioning its validity, and “passivists” experts in front of witnessing violence.
Identification of the two forms of violence and including them within the DSM-5 and Penal Code would certainly go far towards greater recognition for the main victims of abuse and ill-treatment by their own parents, namely minors who are the main victims of these phenomena which will be analysed thesis. The methodology employed in writing this paper has made use of bibliographic sources upheld as supporting evidence for the thesis, beginning primarily with Gardner, author of the PAS analysis theory, and CISMAI in support of assisted violence.
The chosen theory of reference is that of a systemic-relational approach, alongside important contributions taken from the Penal Code. Both scientific sources have helped to outline proof in favour of the thesis and to endorse the existence of PAS as well as witnessing violence in the psychological-psychopathological and juridical fields, carrying their contribute that hold up and strengthened the identification of the minors victims of these two crimes.