Preadolescenti e Social Network: uno studio sulle nuove relazioni on line

Studentessa: Caciagli Chiara Maria
Titolo tesi: Preadolescenti e Social Network: uno studio sulle nuove relazioni on line
Docente relatore: Prof. Rossi Lino
Controrelatore:
Prof.ssa Fressini Lara
Presidente Commissione di Tesi: Prof. Fontana Umberto
Corso di Licenza in: Psicologia clinica e di comunità
Data: 27/09/2013

Nell’epoca moderna, l’invenzione che più di tutte sta influenzando la vita di ogni individuo di ogni età e genere, è internet.
Il vasto mondo del web, infatti, sta catalizzando sempre più frequentemente l’attenzione di genitori, psicologi e sociologi perché sta prepotentemente entrando nel quotidiano di ognuno rischiando di passare dall’essere virtuale all’essere reale: grazie al continuo e superfluo uso della tecnologia wi-fi e dalla portabilità di internet praticamente su ogni telefono la persona è sempre connessa, sta perennemente in contatto virtuale con chiunque essa desideri ed in qualunque momento; e la relazione non si instaura soltanto con un singolo, a due, ma viene estesa a chiunque una persona desideri, contemporaneamente.
Ritenendo quella degli adolescenti e dei preadolescenti la fascia più a rischio, la tesi si è concentrata sulla somministrazione di un questionario a 700 ragazzi delle scuole medie del riminese, per verificare come questi usino internet in generale e i social network in particolare, prendendo in esame anche la differenza di genere.
I dati raccolti sono stati molto diversificati: non solo i preadolescenti in esame sono risultati ignari del rischio cui vengono esposti (i più lievi dei quali quello del furto di persona e della non protezione dei dati personali) ma anzi, sono anche i più propensi a conoscere persone in Rete e ad inconrarle nella realtà e pongono la scuola e la famiglia agli ultimi posti come punti di riferimento, in caso di necessità. La necessità più urgente emersa, è quella quindi di fare formazione nelle scuole per i professori e per i genitori per colmare il gap generazionale che li separa dai ragazzi, per poter cogliere i loro bisogni e per essere sempre più presenti nella loro vita vera, reale.

In the modern era, the invention that most of all is affecting the lives of everyone of any age and gender,is the internet.
 The wide world of the web, in fact, is attracting more and more frequently the attention of parents, psychologists and sociologists because it is forcefully entering into everyone's daily risking to become from virtual to being real: thanks to the constant and unnecessary use of technology wi-fi and the portability of the Internet on virtually any phone a person is always connected, is perpetually in virtual contact with whoever she wants and at any time , and the relationship is not established only with a single, double, but is extended to anyone a person desires, at the same time.
 Considering that adolescents and preadolescents band most at risk, the thesis has focused on the administration of a questionnaire to 700 middle school kids in the Rimini area, to see how they use the internet in general and social networks in particular, taking into consideration also the different gender. 
The data collected were very different: not only pre-teens in question were unaware of the risk to which they are exposed (the mildest of which was the theft of the person and not the protection of personal data), but rather, they are also the most likely to know people on the Net and to meet them in reality and put the school and the family in the last places as points of reference, in case of need... Is thus emerged the most urgent need, or to do training in schools for teachers and parents to bridge the generation gap that separates them from the boys, to catch their needs and to be more present in their true life, real.