Lo Psicologo come promotore di processi di mediazione nella scuola

Studente: Anna Martini
Titolo tesiLo Psicologo come promotore di processi di mediazione nella scuola
Docente relatore: Prof.ssa Cinzia
Docente controrelatore: Prof. Mario Magrini
Presidente commissione di tesi: Prof. Fabio Benatti
Data discussione tesi: 16 marzo 2019
Laurea Magistrale Internazionale in: Psicologia clinica e di comunità

Questa tesi si propone come obiettivo l'analisi del ruolo che lo psicologo può assumere all'interno della scuola, intesa come sistema educativo di istruzione e formazione in cui sono coinvolte diverse figure professionali, con le quali è necessario che collabori per il raggiungimento del benessere a scuola. Il percorso si struttura partendo dai fondamenti del modello sistemico, prosegue mettendo in luce i principi sistemici della mediazione e le diverse fasi dalla valutazione del conflitto fino al processo di mediazione. Prendo quindi in considerazione la mediazione con una declinazione sistemica.In seguito passo ad esaminare il ruolo dello psicologo a scuola, ruolo caratterizzato da particolari aree e tecniche di intervento attraverso cui promuovere l’attivazione di buone prassi per favorire un lavoro di rete tra scuola, famiglia e servizi del territorio.Successivamente riporto alcune esperienze di mediazione a scuola, mettendo a confronto alcuni progetti attuati negli Stati Uniti con altri presenti in Italia.In questi progetti viene evidenziata l’importanza della mediazione come risorsa per la scuola e in che modo lo psicologo possa divenire promotore di processi di mediazione, attraverso specifiche modalità di intervento, che permetteranno agli insegnanti e agli alunni stessi di diventare a loro volta mediatori, dopo un’adeguata formazione.La formazione promossa dallo psicologo, fornisce loro strumenti e attività che favoriscono una maggiore comprensione delle dinamiche del gruppo, comprensione che permette poi agli insegnanti di costruire un intervento mirato per favorire il benessere in classe.Concludo il mio percorso presentando un progetto di intervento preventivo-educativo nel territorio veronese all’interno di una scuola dell’infanzia, dove ho svolto un’esperienza formativa di tirocinio. Ho così potuto sperimentare personalmente l’importanza del ruolo dello psicologo nella scuola e del lavoro in un’equipe multi-professionale, che permetta di prendersi cura dello sviluppo del bambino nella sua globalità, obiettivo raggiungibile attraverso un lavoro di rete tra famiglia, scuola e risorse del territorio, che si occupano del suo benessere.

This thesis aims at analyzing the role that the psychologist can assume within the school, understood as an educational system of formation and training in which various professional figures are involved, with whom it is necessary to collaborate for the achievement of well- being at school. The path is structured starting from the foundations of the systemic model and proceeds by highlighting the systemic principles of mediation and the different phases from the evaluation of the conflict up to the process of mediation. I therefore take into account mediation with a systemic declination. Afterwards, I move on to examine the role of the psychologist in the school system, a role characterized by particular areas and techniques of intervention through which to promote the implementation of good practices to foster synergy between school, family and local services.Thereafter I report some experiences of mediation at school, comparing some projects implemented in the United States with others present in Italy.These projects highlight the importance of mediation as a resource for the school and how the psychologist can become a promoter of the mediation processes, through specific methods of intervention, which would allow teachers and pupils themselves to become mediators, after adequate guidance and training.The training promoted by the psychologist, provides them with tools and activities that promote a greater understanding of the dynamics of the group, an understanding that then allows teachers to build targeted measures to promote well-being in the classroom.I conclude my journey by presenting a preventive-educational plan of intervention in Verona within a nursery school, where I have carried out an internship training experience. I was able to personally experience the importance of the role of the psychologist at school and work in a multi-professional team, which focuses on the development of the child in its entirety. An objective that is achievable through a network between family, school and resources from the community, which are concerned with pupils well-being.