images/grafica/TESTATE/GENERALE_PSICOLOGIA/convegni.png

Summer School: Adolescenza e Covid

Evento: Summer School: Adolescenza e Covid
Data: dal 6 luglio 2021 al 10 luglio 2021
Destinatari: Personale delle Istituzioni pubbliche (Sanità, Sociale, Formazione, Servizi giovanili, genitori, volontari)
Relatori: Prof. Antonio Piotti, Dott.ssa Elda Falco, Dott.ssa Ilaria Dalvit, Avv, Anna Corallo, Dott. Giuseppe De Felice, Dott. Andrea Maddalena, Dott.ssa Idanna Milan, Dott.ssa Fabiana Filippi, Dott.ssa Sofia Bignamini, Dott.ssa Valentina Montuschi, Dott. Davide Comazzi
Luogo: Bolzano, via Cassa di Risparmio 16 – Academy

La prof. Fabiana Filippi, parteciperà alla Summer school organizzata da CSV Alto Adige ODV, con la direzione scientifica di Antonio Piotti, psicoterapeuta e docente nell’alta scuola di formazione in psicoterapia del Minotauro.

Un corso di formazione estivo (summer school) rivolto a tutti coloro che si occupano di giovani (insegnanti, psicologi, psichiatri, operatori dei servizi giovanili e soprattutto anche associazioni del Terzo Settore, volontari e genitori) che ha lo scopo di permettere ai partecipanti di capire le problematiche connesse alle vicende legate alla pandemia (ritiro sociale, relazioni d’amore e di amicizia, comportamenti autolesivi, rapporto con la scuola e modali-tà nuove di impostare la terapia) nei nostri ragazzi e le modalità con le quali è possibile affrontarle. 

Il convegno sarà in presenza nelle condizioni di massima sicurezza per consentire partecipazione, confronto, scambio di esperienze e di in-contri che sarebbero impossibili da remoto. 

Per maggiori informazioni ed iscrizioni
https://dze-csv.it/it/academy/

Scarica il programma

La strada e il mondo. Da un altro punto di vista

Titolo: La strada e il mondo. Da un altro punto di vista
Data: Martedì 25 maggio 2021 
Orario: dalle 17.00 alle 18.30
L'evento sarà online su piattaforma Google Meet
https://meet.google.com/tig-dndd-qre

Nell’ambito del corso “Psicologia del traffico” (prof.ssa Alessia Nastri) IUSVE incontra l’Associazione Ragazzi On The Road, già sede convenzionata per i tirocini accademici IUSVE, per accostarsi alla sicurezza stradale e ai temi della prevenzione dell’incidentalità da una prospettiva inedita e reale, senza filtri. 

Il progetto educativo “On The Road”, promosso dall'Associazione socio-educativa Ragazzi On The Road, è un’iniziativa unica in Italia. Una sorta di educazione civica e alla legalità - imparata direttamente sulla strada - nei panni della Polizia Locale e delle istituzioni preposte alla prevenzione e sicurezza. Un vero e proprio “schianto” con la realtà: una serie di esperienze dirette, vissute sul campo.

È importante coinvolgere i giovani, soprattutto nell'età della patente, per renderli ancora più consapevoli dei rischi che corrono sulla strada (e non solo). Com’è avvenuto con successo con gli oltre 700 protagonisti del format educativo - nato 14 anni fa in Valle Seriana (BG) dall’intuizione e sensibilità del giornalista Alessandro Invernici e di un agente della Locale Giuseppe Fuschino - che al termine dell’esperienza, si sono dichiarati infatti “cambiati” e “maturati” dopo aver affiancato Polizia Locale, Forze dell’Ordine e di Pronto intervento del Numero Unico d’Emergenza 112, di cui l’associazione è testimonial. 

Tra i #ragazziontheroad che hanno vissuto il progetto - oltre a trasferire quanto hanno visto e imparato ai loro familiari, amici e coetanei - c’è chi di loro, in questi anni, è diventato carabiniere, agente di polizia, medico, soccorritore e chi continua ad impegnarsi nello staff dell’associazione.

Per maggiori info:
www.ragazziontheroad.it

Presentazione del libro di Carla Forcolin: Uscire dal carcere a sei anni

Titolo: Presentazione del libro di Carla Forcolin Uscire dal carcere a sei anni. I figli delle detenute tra diritti che confliggono: stare con la madre o essere liberi.
Data: 27 maggio 2021
Orario: dalle 14.30 alle 16.30

L'evento è online su piattaforma Zoom. Per accedere è necessario un account Zoom, se non ne hai uno clicca qui zoom.us/signup
Il link verrà inviato prima dell'evento agli iscritti.

Le iscrizioni saranno chiuse giovedì 26 maggio h18 


Il 27 maggio 2021 a partire dalle 14.30 vi sarà la presentazione del libro di Carla Forcolin “Uscire dal carcere a sei anni. I figli delle detenute tra diritti che confliggono: stare con la madre o essere liberi”. Con il contributo di Aurea Dissegna, Mario Magrini e Maurizio Pitter. Prefazione di Gianfranco Bettin (ed. FrancoAngeli, 2020).

Nella prima parte del pomeriggio l'autrice del libro, Carla Forcolin, e gli altri autori che hanno contribuito al volume (Aurea Dissegna, Mario Magrini e Maurizio Pitter) presenteranno i temi principali del volume che riguardano la tutela del bambino quando la madre deve scontare una pena carceraria. In base all'attuale ordinamento penitenziario le madri detenute possono, infatti, tenere i figli piccoli con sé fino all’età di tre anni, trascorrendo con loro la reclusione nell’asilo nido del carcere. Una legge del 2011 ha poi elevato da tre a sei anni l’età dei bambini che possono stare in carcere con le madri, creando appositi Istituti a custodia attenuata (Icam) o Case famiglia protette. Carla Forcolin, fondatrice dell'Associazione "La Gabbianella e altri animali" (http://www.lagabbianella.org/), si occupa da oltre 20 anni della tutela dell'infanzia all'interno delle strutture carcerarie e con questo volume porta alcune delle sue esperienze nel territorio veneziano e delle proposte concrete. 

Nella seconda parte del pomeriggio ci sarà una tavola rotonda, di dibattito e discussione sui temi trattati dal libro, che verrà gestita dal Prof. Marco Monzani. La tematica è infatti attualmente oggetto di discussione politica e vi sono proposte di riforma di legge che non possono non tenere conto del parere degli esperti. L'evento è di indubbio interesse per gli studenti dello IUSVE interessati ai temi della prima infanzia, della tutela dei diritti dei minori e della realtà carceraria italiana.

Iscriviti
iscriviti


Dalla quarta di copertina
Il carcere non è un luogo dove crescere i bambini. Su questo l’accordo è unanime. Eppure, con l’attuazione della legge 62/11, nata dalle migliori intenzioni, l’indiretta detenzione dei bambini, che
accompagnano le madri in carcere, è stata raddoppiata nel tempo. Prima della legge si usciva dal carcere a tre anni, ora a sei. E non è affatto certo che se ne esca con la madre, la separazione tra madri e figli ci può essere esattamente come un tempo e, in tal caso, per i bambini va trovata una sistemazione: con il padre, con i parenti, in affidamento etero-familiare, in una casa famiglia.

Circa dieci anni fa, il legislatore ha cercato di evitare il carcere ai bambini attraverso gli “istituti a custodia attenuata per madri” (Icam) e i piccoli, le cui madri possono godere della custodia
attenuata, non sono proprio in carcere, ma in Icam. Qui le stanze sono più belle, ma non si può uscirvi con la mamma; i blindi sono stati sostituiti da porte robuste, che però rimangono invalicabili. Agenti senza divisa devono essere ubbidite dalle detenute-madri, sotto ai loro occhi. I bambini non si lasciano ingannare circa la natura di questi luoghi e capiscono benissimo che sono in carcere, soprattutto crescendo.

Come il volto di una donna anziana diventa più luminoso con un tocco di rossetto, ma non ritorna giovane, così qualsiasi istituto rimane carcere finché è un luogo in cui si è privati della libertà. I bambini non possono trascorrervi tutta la prima infanzia, se non si vuole rovinare la loro vita.
Il libro va contro corrente sia nell’analisi della situazione, sia nelle proposte per ridurre al minimo la sofferenza dei figli delle detenute ed è rivolto in primis al legislatore, perché rimedi agli effetti indesiderati di una legge buona, poi a tutti gli addetti ai lavori e a chi è sensibile alla tutela dell’infanzia.

Recensione del volume a cura di L. Fadiga




FOCUS - Realtà virtuale e clinica del ciclo di vita

Titolo Focus: Realtà virtuale e clinica del ciclo di vita (ospite Alessandro De Carlo)
Data: 26 maggio 2021
Orario: dalle 14.30 alle ore 18.00
Corso di laurea: mPSE
Anno di corso: 1 anno
Campus: Mestre – Aula 1
Materia di riferimento: Laboratorio di Cyber-Therapy
Docenti: prof. Giovanni Fasoli – prof. Salvatore Capodieci
Il focus è dedicato agli studenti iscritti al corso. Per partecipare è necessario prenotare il posto su aule.iusve.it

Il focus si propone di condurre alla scoperta dell’utilizzo della realtà virtuale nella clinica del ciclo di vita, attraverso il visore all-in-one che "teletrasporta" le persone in tutto il mondo, sulla scena di un importante evento della loro vita o in ambienti naturali dove possono rilassarsi in tranquillità; il metodo espone gradualmente i pazienti alle loro paure o fonti di disagio e utilizza il supporto immersivo per aumentare l'efficacia della psico-educazione.

Alessandro De Carlo, Nato nel 1983, founder di Sygmund, segue la propria passione per la psicologia, specialmente quando applicata nei contesti lavorativi, sociali e politici, e finalizzata a migliorare la qualità della vita delle persone, la performance, la gestione delle difficoltà e l’agire in gruppo. Dopo la laurea e il Ph.D. conseguiti tra l’Italia, il Regno Unito e la California, inizia l’attività di ricerca e insegnamento universitario. Attualmente è docente all’Università LUMSA di Roma, presso la quale è anche condirettore del Master in Criminologia Applicata e Psicologia Forense e coordinatore del Master in Gestione delle Risorse Umane. Inoltre è psicoterapeuta e docente nell’Istituto di specializzazione in psicoterapia PSIOP di Padova.

Nel 2014 viene eletto Presidente dell’Ordine degli Psicologi del Veneto, diventando il più giovane presidente di un ordine professionale in Italia. Nello stesso anno viene eletto Segretario dell’Ordine Nazionale degli Psicologi, nel quale ha anche il ruolo di referente per gli affari internazionali, in particolare la rappresentanza in EFPA – la Società Europea di Psicologia, in IUPsyS – la Società Mondiale di Psicologia e la presidenza del Comitato per il Certificato Europeo di Psicologia – Europsy.

Giornata di studio - Famiglia, affido e adozione: il punto di vista psicoanalitico

Titolo: Famiglia, affido e adozione: il punto di vista psicoanalitico
Data: 29 maggio 2021
Orario: dalle 9.00 alle 16.00

L'evento è online su piattaforma Zoom. Per accedere è necessario un account Zoom, se non ne hai uno clicca qui zoom.us/signup
Il link verrà inviato prima dell'evento agli iscritti.
La iscrizioni verranno chiuse il 28 maggio alle ore 16.00


L'adozione e l'affido sono un dispositivo sociale collocato all'interno dell'istituto familiare regolato dalla legge, ma solo da poco si pone il problema della continuità dei legami affettivi.

Nel mettere in primo piano la continuità affettiva emerge il tema complementare della discontinuità biologica tra presente e passato.

Nello stesso tempo nell'affido si seguono le possibilità che ha la famiglia affidataria di destrutturarsi e ristrutturarsi con l'accoglienza di un nuovo membro e le possibilità della famiglia di origine di ristrutturarsi in un tempo ragionevole per poter riaccogliere il proprio figlio.

Percorsi complessi che sfidano il familiare ma ne evidenziano anche le grandi possibilità generative.

Programma
09.15 - Presentazione Prof.ssa Fabiana Filippi IUSVE e Prof.ssa Lieta Dal Mas IUSVE
09.30 - “L’affido familiare come cura dei legami” Prof. C. Crocetta, Professore Stabile di Diritto e Vice Direttore IUSVE
10.00 - “La famiglia” Dott. Raffaele Fischetti didatta del Master in Psicoanalisi della coppia  e della famiglia
11.00 - dibattito
11.30 - PAUSA
11.45 - “Caso clinico” Dott.ssa Lucia Balello Dir. scientifico Del Master in Psicoanalisi della coppia e della famiglia
13.15 - domande dal pubblico

15.00- “Affido e adozione: riflessioni psicanalitiche” Dott.ssa Fiorenza Milano didatta del Master in Psicoanalisi della coppia  e della famiglia
16.15 -   domande dal pubblico
16.30 - chiusura dei lavori

iscriviti
Per maggiori informazioni
prof.ssa Fabiana Filippi (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.)

FOCUS - Comunicazione e relazione in ambito territoriale: uno studio di caso

Titolo Focus: Comunicazione e relazione in ambito territoriale: uno studio di caso. Ospite il Dott. Carlo Alberto Camuccio
Data: 19 maggio 2021
Orario: dalle 14.30 alle 18.00
Corso di laurea: Corso di Licenza in psicologia clinica e di comunità
Anno di corso: 2° anno del Corso di Licenza in psicologia clinica e di comunità (2 mPSE A)
Materia di riferimento: Laboratorio di counseling clinico in ambito sanitario
Docente: prof. Lara Fressini
Link per lo streaming: https://meet.google.com/auv-tgmw-mae
Per accedere è necessario utilizzare un account Google.

Il focus si propone di contribuire alla riflessione sulla necessità di dialogo fra le discipline scientifiche che a diverso titolo si mettono al servizio della cura della persona.
Nei processi di cura la sfida di oggi è il coinvolgimento di tutti i professionisti del sanitario e del sociale, unitamente a modalità assistenziali integrate e di lavoro di comunità.

Secondo una prospettiva di studio multidisciplinare verrà presentato lo studio di un caso: una persona affetta da schizofrenia catatonica seguita dai servizi psichiatrici la cui presa in carico è avvenuta in ambito domiciliare e territoriale, secondo la prospettiva di un modello di lavoro multiprofessionale capace di restituire una visione globale dell’individuo.

Viene sottolineato il peso della componente psicologica fin dalle prime fasi della presa in carico affinchè possa aver luogo l’alleanza terapeutica secondo i fondamenti di una relazione di aiuto che poggia sul rispetto e sull’ascolto autentico della persona.

L'osservazione del neonato

L'area di Psicologia dello IUSVE, propone la partecipazione alla lezione della prof.ssa Jeanne Magagna, venerdì 14 maggio 2021 dalle 18.00 alle 20.00.
La lezione, dal titolo: "L'osservazione del neonato, l'eredità di Esther Bick",  è organizzata dal Centro studi Martha Harris di Firenze ed è aperta a tutti ed in particolare agli studenti frequentanti il corso di psicologia dinamica del Prof. Mario Magrini.

Si può accedere tramite zoom al seguente link https://us02web.zoom.us/j/89911202999

Il prof. Marchioro Giovanni, sarà ospite all'Università degli Studi di Macerata

Titolo: Sguardi multifocali sul desiderio
Data: 10 aprile 2021
Orario: 
dalle 09.00 alle 11.00

Il prof. Giovanni Marchioro parteciperà al seminario: "Sguardi multifocali sul desiderio", organizzato dal Dipartimento di Studi Umanistici dell'Università di Macerata. Il suo speech verterà sul confronto tra Freud, Jung e Lacan, in tema di desiderio.

Per seguire il webinar è necessario accedere alla piattaforma Blackboard Collaborate, dal seguente link:
http://studiumanistici.unimc.it/multifocal-approach

RELATORI OSPITI
  • Maurizio CHIODI (teologia), Pontificio Istituto Teologico Giovanni Paolo II di Roma 
  • Roberto CICCOCIOPPO (neuroscienze), Università di Camerino
  • Laura GHERARDI (sociologia), Università di Parma
  • Giovanni MARCHIORO (psicoterapia): Istituto Universitario Salesiano, Venezia
  • Lucia PALPACELLI (storia della filosofia antica), Università di Macerata

L'adolescente post moderno fra narcisismo e crisi

Titolo: L'adolescente post moderno fra narcisismo e crisi
Data: 27 marzo 2021
Orario convegno: dalle 09.30 alle 13.15
Orario tavola rotonda: dalle 14.15 alle 17.00
Le iscrizioni sono terminate

C'è una nuova generazione di adolescenti che non vive più in una famiglia normativa  dominata dal senso di colpa . Questa generazione non è più costretta ad obbedire alle regole ma si trova disorientata e confusa nel gestire la propria definizione evolutiva . Se in passato  bisognava scontrarsi con gli adulti oggi bisogna confrontarsi con il gruppo dei pari , esprimere i propri talenti ma anche difendersi dall'angoscia e dalla paura di fallire . Il rischio è quello di sentirsi soli, isolati senza non saper chiedere aiuto. Gli adulti dal canto loro faticano sempre più nell'interpretare i bisogni di questa generazione. 

Programma
09.30 - Presentazione Prof.ssa F. Filippi referente IUSVE area Famiglia
10.00 - “L’adolescente post moderno fra narcisismo e crisi” Prof. A. Piotti Psicoterapeuta , insegna prevenzione e trattamento delle condotte autolesive e del tentato suicidio in adolescenza presso l’alta scuola di psicoterapia psicoanalitica dell’adolescenza e del giovane adulto del “Minotuaro”.
10.45 - coffee break
11.15 - “Suicidio e ritiro sociale in adolescenza ”
13.15 - Chiusura dei lavori Prof. M. Ballico docente IUSVE



Dalle 14.15 alle ore 17.00 Tavola rotonda coordinata dal Prof. A. Piotti Psicoterapeuta
“LE NUOVE GENERAZIONI E COVID : ESPERIENZE E RIFLESSIONI”
Nuovi modi di amare , di incontrare la sofferenza  di dialogare  di apprendere  di sperare e crescere

Relatori 

  • “Difendersi dalla negazione: Covid e società del rischio” A. Piotti, psicoterapeuta
  • “Un due tre stella! Stare fermi per poter crescere. I bambini e il loro futuro” E. Falco Pedagogista e Med. Familiare - Ilaria Dalvit Psicologa-Psicoterapeuta
  • “Toccami il cuore! Sessualità e amore a distanza“   V. Montuschi P.  Psicologa-Psicoterapeuta
  • “Adolescenti e violenza assistita nel nucleo familiare” A. Corallo Avv. Foro di Firenze
  • “Insegnare da lontano: didattica a distanza per una nuova scuola” A. Piotti
  • “Presenti da remoto: nuovi strumenti di terapia con gli adolescenti” A. Maddalena Psicologo, Psicoterapeuta
  • “Elaborazione del lutto e trauma ai tempi del covid” F. Filippi , psicologa , psicoterapeuta Doc. IUSVE- I. Milani Dirigente Psicologo presso U.O.C. IAFC  Aulss 2 Marca Trevigiana



Per maggiori informazioni
Pierangela Pasqualetto (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.)

Corso online di Biofeedback

L'Area di Psicologia dello IUSVE, centro d'eccellenza BFE per il BIOFEEDBACK, ha il piacere di collaborare ad  un importante seminario organizzato dal centro di Medicina e Sviluppo e patrocinato dalla Biofeedback Foundation of Europe.

Le due giornate di formazione, si terranno online il 20 e 21 marzo 2021 e vedranno coinvolti esperti Internazionali e Nazionali che da anni utilizzano tecniche di autoregolazione in ambito clinico, nell’ottimizzazione della prestazione e in ambito della salute condividendo con i partecipanti conoscenza ed esperienza.

Relatore d'eccellenza sarà il Prof. Erik Peper, docente e ricercatore della San Francisco University.
 
iscriviti

Per maggiori informazioni
Marcella Bounous (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.)