Famiglia e disabilità nel bambino: il cammino dalla diagnosi all'accettazione

Studente: Isabella  Nugnes
Titolo tesi: Famiglia e disabilità nel bambino: il cammino dalla diagnosi all'accettazione
Docente relatore: Prof.ssa Mavi Lodoli
Docente controrelatore: Prof.ssa Lara Fressini
Presidente commissione di tesi: Prof. Fabio Benatti
Data discussione tesi: 16 luglio 2020 
Laurea Triennale Internazionale in: Psicologia dell'educazione

Il presente lavoro di ricerca si articola attorno a due precisi focus di indagine, la famiglia e la disabilità del bambino, con il duplice obiettivo di comprendere le peculiarità dell’ambiente familiare e, al tempo stesso, descrivere una condizione clinica che, quando presente nel piccolo fin dalla sua infanzia, coinvolge la totalità della vita di genitori e fratelli. L’ipotesi che guida l’approfondimento dell’argomento è la seguente: i familiari, che convivono quotidianamente con la disabilità di un figlio o di un fratello, hanno la possibilità di accettare e adattarsi a tale condizione, sviluppando resilienze e strategie di coping, con atteggiamenti costruttivi, orientati alla progettualità e vivendo una vita piena e totalizzante dal punto di vista personale e sociale, nonostante le esperienze e le emozioni di dolore, fatica, sconforto che hanno sperimentato nel passato e che sentiranno anche nel futuro. La ricerca è suddivisa in tre sezioni: la prima descrive le dinamiche familiari, la seconda definisce il concetto di disabilità e di comunicazione della diagnosi, la terza, infine, è dedicata alla descrizione del percorso e delle possibilità che possiede la famiglia di accettare e adattarsi alla disabilità del bambino. Per confermare l’ipotesi viene costruita una bibliografia e una sitografia a partire da alcuni dei lavori scientifici della letteratura nazionale e internazionale: le ricerche dimostrano, infatti, che la famiglia ha la possibilità, dopo aver elaborato il lutto, di inserirsi in un percorso di crescita, diventando progettuale, senza cristallizzarsi nel dolore.

The present research work is articulated around two precise focuses of investigation, the family and the child's disability, with the dual objective of understanding the peculiarities of the family environment and, at the same time, describing a clinical condition that, when present in the child since childhood, involves the totality of the life of parents and siblings. The hypothesis that guides the study of the subject is the following: family members, living daily with the disability of a child or brother, have the possibility to accept and adapt to this condition, developing resilience and coping strategies, implementing constructive, project-oriented attitudes and living a full and totalizing life from a personal and social point of view, despite the experiences and emotions of pain, fatigue and discomfort that they have experienced in the past and that they will feel also in the future. The research is divided into three sections: the first describes family dynamics, the second defines the concept of disability and the communication of the diagnosis, the third, finally, is dedicated to the description of the path and the possibilities of the family to accept and adapt to the child's disability. In order to confirm the hypothesis, a bibliography and a sitography is constructed from some of the scientific works of national and international literature: the research shows, in fact, that the family has the possibility, after having elaborated the mourning, to enter a path of growth, becoming projectual, without crystallizing in pain.