Le “nuove” tecnologie incontrano “vecchie e nuove” dipendenze. La riabilitazione con il supporto tecnologico: prospettive psicopatologiche e cliniche

Studente: Maria Munteanu
Titolo tesi: Le “nuove” tecnologie incontrano “vecchie e nuove” dipendenze. La riabilitazione con il supporto tecnologico: prospettive psicopatologiche e cliniche
Docente relatore: Prof. Giovanni Fasoli
Docente controrelatore: Prof. Mario Magrini
Presidente commissione di tesi: Prof. Marco Monzani
Data discussione tesi: 15 gennaio 2022
Licenza in: Psicologia clinica e di comunità

L’argomento che verrà trattato di seguito riguarda la differenza tra le dipendenze “tradizionale” e quelle che nei ultimi anni vengono chiamate new addiction o dipendenze comportamentali oltre a riportare come il percorso evolutivo della tecnologia abbia influenzato la distribuzione delle sostanze stupefacenti. La domanda a cui si è cercato di fornire una risposta riguarda la tecnologia (in generale) e la realtà virtuale (in particolare) hanno influito sullo sviluppo della clinica e in specifico sulla psicologia e il percorso di riabilitazione. La ricerca, condotta secondo una metodologia di lavoro che ha portato a un approfondimento bibliografico di settore con studi sulle neuroimaging, del dark web e la riabilitazione con il supporto della tecnologia, è articolata in cinque sezioni. Nella prima, si ritrova un inquadramento delle tipologie di sostanze principali in circolazione che vera completata, da punto di vista del funzionamento cerebrale, con la seconda parte, mentre la parte terza illustrerà come si è giunti a parlare di droghe on-line. L’ultima parte si concentrera maggiormente sull’evoluzione tecnologica nel ambito sanitario e psicologico, in specifico come hanno influenzato il trattamento di disintossicazione.

The following paper deals with the differences between traditional drugs and the so-called new addictions, which are also known as behavioural addictions, and it will also analyse how the evolution of technology has influenced drugs distribution. The question that this paper tries to answer concerns how technology (in general) and virtual reality (in particular) have influenced the development of clinical practices and, to be more specific, of psychology and rehabilitation. The research, which is carried out according to a work methodology that has led to an indepth bibliographic study on neuroimaging, the dark web, and technology-assisted rehabilitation, is organized into 5 sections. The first one provides an overview of the main substances in circulations. Subsequently, the second section will complete the first one through the study of brain functioning. The third part of the paper will instead examine how the talk about drugs on the internet came about. Finally, in the last section will mainly focus on the evolution of technology in the healthcare and psychological fields and, more specifically, on how it has influenced the detoxification tratment.