Il Thinking Tech Lab si offre come un progetto di tirocinio ma anche come uno “stage” di aggiornamento per chi non deve totalizzare un tirocinio specifico e si sente provocato dal “tempo che cambia” a rileggere le dinamiche psicologiche - e le derive psico-patologiche - post-digitali a partire da una visione di più ampio respiro, anche in una chiave criminologica.

Vuole essere un laboratorio di pensiero e di progettazione all’interno del quale approcciarsi al “pensare la tecnologia”, in relazione ai grandi temi, le forme e le figure della cultura mondiale.

Si propone inoltre di portare al raggiungimento di alcune competenze che mettano a confronto le skills trasformative OCSE ed il modello A.P.E.(Antropologia Pedagogia Etica) ripensati in una prospettiva critico-generativa.

I contenuti si riferiranno interamente al "mondo digital" con attenzione critica alle implicazioni psicopatologiche, cliniche e criminologiche. L’ambito sperimentale è sfidante ed è costituito dall’utilizzo didattico e clinico della tecnologia e dalla costruzione di percorsi di didattica a distanza (ambienti digitali di apprendimento).

Le attività che saranno implicate in questo progetto saranno molteplici e diversificate:

  • confronto con gli autori - pagine di filosofia della tecnica: sessioni di lettura condivisa e dibattito. Confronti con autori di psicologia, comunicazione, educazione e filosofia;
  • comunicare l’impatto tecnologico: realizzazione di podcast su temi di impatto tecnologico in collaborazione con CubeRadio;
  • realtà virtuale: introduzione all’uso del visore (Oculus Go, Oculus Quest, Oculus Rift);
  • robotica educativa: introduzione all’utilizzo degli oggetti programmabili in un percorso graduale;
  • social education - intervento educativo: riflessioni e input per abitare la Rete in modo sereno. Ideazione progettazione e realizzazione;
  • collaborazione alla rubrica LAST MINUTE, riguardo articoli su temi di tendenza. (http://www.giovaniverona.it/);
  • didattica a distanza: percorso formativo in Google Classrom (DaD). Progettazione e costruzione;
  • webinar: progettazione e realizzazione di Focus e di eventi formativi a distanza.

Le competenze che il Lab. si propone di sviluppare sono quelle da mettere nelle mani del Professionista che andrà a lavorare a stretto contatto con la generazione multischermo

  • Digital literacy
  • Learning by doing
  • Cooperative learning
  • Co-working
  • Problem solving
  • Project making

A partire da queste attività, nello specifico il Lab. si propone di:

  • 1-2 - Creare nuovo valore (con attenzione all'antropologia di riferimento).
  • 3-4 - Fare i conti con tensioni, dilemmi e negoziati (in una prospettiva pedagogica).
  • 5-6 - Sviluppare responsabilità (implicazione etica).

Il contesto di riferimento nella quale si svolgono gli incontri di formazione sono:

  • presso lo IUSVE CUBE in via dei Salesiani 15 a Mestre (Venezia);
  • In didattica a distanza.

Fatto con Padlet