Unità mente-corpo: le implicazioni e gli effetti della relazione tra attenzione ed emozione

Studente: Gabrieli Sara
Titolo tesi: Unità mente-corpo: le implicazioni e gli effetti della relazione tra attenzione ed emozione
Docente relatore: Prof.ssa Marcella Bounous
Docente controrelatore: Prof.ssa Fabiana Filippi
Presidente commissione di tesi: Prof. Fabio Benatti
Data discussione tesi: 15 luglio 2020
Laurea Triennale Internazionale in: Psicologia dell'educazione

La seguente trattazione afferisce alla materia di psicologia generale, sintetizzandone due argomenti cardine quali l’attenzione e l’emozione, valutando le implicazioni e gli effetti che l’una comporta all’altra e viceversa. L’obiettivo è quello di superare la concezione dualistica che vede scisse le emozioni dalla cognizione, comprovando che esse sono due dimensioni che collaborano, affinché il soggetto si adatti adeguatamente all’ambiente che lo circonda. Grazie all’utilizzo di una metodologia di lavoro volta all’approfondimento bibliografico delle principali teorie psicologiche e neuroscientifiche, si è cercato di dimostrare l’ipotesi secondo cui esiste un’interrelazione tra attenzione ed emozione, poiché l’emozione non funge da distrattore, che intacca il funzionamento dei livelli superiori di elaborazione cognitiva cerebrale, ma si presenta come guida, che dirige e influenza l’attenzione in modo prioritario verso target rilevanti per il riassestamento dell’equilibrio psicofisico dell’organismo. La ricerca, che si articola in quattro capitoli, inizia da una premessa con cui si vuole sfatare il mito della ragione pura e del dualismo cognizione-emozione; prosegue attraverso la disamina dello stato dell’arte delle teorie dell’attenzione prima, e quelle dell’emozione poi; e si conclude, dopo averne esposto i presupposti, con l’analisi del loro rapporto reciproco, confermandone, in conclusione, l’effettiva relazione integrata. Mediante una consapevolezza sempre maggiore dell’integrità dell’organismo umano e di tutte le sue componenti, sarà possibile ampliarne la conoscenza e conseguentemente migliorare il benessere della persona.

The following discussion relates to the subject of general psychology, summarizing two key topics such as attention and emotion, evaluating the implications and the effects that one has on the other. The research aims at overcoming the dualistic conception that sees emotions separated from cognition, proving that they are two dimensions that work together so that the subject adapts adequately to the environment around him. By means of the use of a working methodology aimed at deepening the bibliography of the main psychological and neuroscientific theories, the discussion tries to demonstrate the hypothesis that there is an interrelation between attention and emotion, since emotion does not act as a distractor that affects the functioning of the higher levels of cerebral cognitive processing, but rather presents itself as a guide that directs and influences attention in a priority way towards targets that are relevant to the reestablishment of the organism’s psychophysical balance. !The research, which is divided into four chapters, starts from a premise that aims at dispelling the myth of pure reason and the dualism of cognition-emotion; it continues by examining the theories of attention’s state of the art as well as those of emotion; and it ends, after having set out the assumptions, with the analysis of their mutual relationship, confirming, in conclusion, the actual integrated relationship. Through an ever-increasing awareness of the integrity of the human organism and all its components, it will be possible to broaden the concerning knowledge and consequently improve the person’s well-being.